In concomitanza con il Salone Internazionale del Mobile prenderà vita il Fuorisalone 2016, ovvero una serie di eventi, presentazioni, appuntamenti distribuiti per tutta la città di Milano. Nato spontaneamente nei primi anni ’80 dalla volontà di aziende attive nel settore dell’arredamento e del design industriale ha visto crescere ed espandere il concetto di incontro, approdando in settori affini o paralleli come la moda, il food, l’arte e la tecnologia.

-fuori-salone-2016

 

Il Fuorisalone rappresenta un importante e prestigioso evento legato al mondo del design su scala internazionale, che riesce a catalizzare da anni l’interesse degli amanti ed estimatori del settore. Milano come palcoscenico per le novità in arrivo da tutto il mondo, vetrina elegante pronta ad accogliere e illustrare le nuove tendenze. Un’occasione davvero imperdibile che, anno dopo anno, cresce e si arricchisce di nuove zone e spazi. Una possibilità irrinunciabile per i nuovi designer emergenti e creativi per illustrare idee, capacità e stili sempre differenti. Un cammino articolato che abbraccerà le aree classiche dedicate alla manifestazione, ormai spazi simbolo del Fuorisalone, con l’aggiunta di nuove locations e nuovi ingressi. Per un percorso sempre più ricco, stimolante e accattivante, sia per gli occhi che per la mente dove arte, design, cultura, idee si mescolano in modo sapiente e interessante.

Fuorisalone 2016: Zona Tortona

Tra i luoghi più longevi e punto di riferimento per il Fuorisalone la zona Tortona è stata la prima, più di 15 anni fa, ad affiancare il Salone del Mobile con appuntamenti collaterali. In questa edizione 2016 saranno 200 gli eventi che si svolgeranno nello storico circuito e polo creativo internazionale dove design, moda e cultura si incontrano tutto l’anno. Un felice ritorno quello di Maarten Baas con il progetto NEW!NOW!HERE, mentre il Mudec (Museo delle Culture) oltre alle mostre presenti ospiterà l’evento di Ideal Standard che debutta per la prima volta al Fuorisalone con l’installazione denominata When Lightness designs space. Presso l’immancabile Superstudio si svilupperà il SuperDesign Show alla sua seconda edizione. Il tema dell’anno è WHITE PAGES, un invito a portare in esposizione non solo oggetti e proposte di pronto consumo, ma anche progetti futuribili e sperimentali e a raccontarli al pubblico con parole e installazioni in una ideale pagina bianca all’interno del proprio spazio. Tra le installazione presenti Barovier&Toso e Paola Navone, di nuovo insieme per un lavoro visionario, un viaggio immaginario tra culture e paesaggi diversi per osservare le tante colorazioni del vetro; Citizen realizzerà un allestimento surreale fatto di luce danzante, un’indagine sulla natura del tempo creato con più di 100 000 parti componenti l’orologio. Sunbrella propone una surreale foresta realizzata con centinaia di telai da ricamo sospesi e ricoperti dalle differenti qualità dei tessuti dell’azienda, progetto di Élise Fouin, la designer francese riconosciuta per la poesia delle sue creazioni sulla materia. Nella sezione Basement Mario Cucinella in collaborazione con la sua scuola SOS – School of Sustainability coniuga design con architettura sostenibile attraverso workshop e laboratori di prototipazione, lezioni di Empatia Creativa e molte altre iniziative.

Il SuperDesign Show si estende anche al Superstudio 13, gli studios di via Forcella 13/Bugatti 9 con la mostra Mix It Up 2016, un intrigante mix pop con design, musica, moda, arte culinaria a cura di PepsiCo Design in collaborazione con Fabio Novembre, Karim Rashid, Lapo Elkann + Garage Italia Customs, Benjamin Hubert, Jeremy Scott, Design Group Italia, e tanti altri. Base, situata negli storici spazi dell’ex Ansaldo, si trasforma nel Design Center e tra gli altri ospiterà Opendot in collaborazione con Claude Marzotto (òbelo) e Daniela Lorenzi (A14) con la mostra Visual Making e la rete europea Human Cities/Challenging the City Scale, con un evento che coinvolge i suoi 11 partner provenienti da altrettante città, insieme al Politecnico di Milano in tandem con la Tongji University di Shanghai. Sarpi Bridge Oriental Design Week, un’associazione fondata dal collettivo culturale Tomato Catch Up di Torino con lo Studio Akka di Milano, dopo l’interessante presentazione della scorsa edizione per questo 2016 trasformerà l’Opificio 31 di zona Tortona nella sua base ufficiale. Andrà in scena ! OO CINA设计之外 , una significativa esposizione in cui la Cina sorprende, “! OO”, tra arte e design, uno scorcio di un ampio progetto che fungerà da ponte con la Cina in partnership con Jillion Art Collective di Shanghai e Design Radio, un media cinese emergente specializzato nella promozione del design. Saranno molteplici le realtà presenti seguite e coordinate dal curatore Sun Chenzhu e dal direttore del progetto Fan Yiping.

Fuorisalone 2016: Brera Design District

Identificabile con la zona tra Porta Nuova/Gae Aulenti e via Broletto, da via Legnano fino a via Montenapoleone, fino agli spazi di DUC Brera (Distretti Urbani del Commercio): il Brera Design District, giunto alla settima edizione, si riconferma punto di riferimento fondamentale per il Fuorisalone. Tema portante di questa edizione è Progettare è ascoltare ovvero design come musica che parte dall’ascolto, iniziando dalle funzioni, quindi ascolto dei materiali, degli oggetti e degli spazi. L’osservazione uditiva attiva è interpretazione del mondo, porta all’apprendimento e a un’evoluzione naturale che conduce verso l’innovazione. Una sinergia nata dall’incontro tra il design e la sound artist Chiara Luzzana che ha visto la nascita di TheSound of city, con lo scopo di creare la colonna sonora di ogni città a partire dai suoni caratteristici di ciascuna di esse. Rumori, passi, sonorizzazioni del quotidiano del quartiere Brera che l’artista ha tramutato in note e musica.

Per gli amanti della luce immancabile il passaggio da Il Giardino degli Illuminati di Legrazie, un temporary store dedicato dove la materia luminosa incontra il design e assume nuove forme. Per i pet-friendly interessante la presentazione della nuova collezione Foof dog & people. I cani e le persone potranno testare presso il Giardino Segreto (sede WWF di Via Tommaso da Cazzaniga) i prodotti Foof dog & people quindi una zona agility, una collezione di oggetti come ad esempio cucce, cuscini, ciotole e giochi, studiati per agevolare abitudini e necessità di entrambi i protagonisti, pensati e progettati dallo ‪StudioIrvine‬. Vitra, per la prima volta al FuoriSalone, ha creato CasaVitra in via Maroncelli 14 con l’installazione Colour Wheel di Hella Jongerius abbinato a un pop-up store con prodotti e accessori del brand. Per quanto riguarda la sezione green Piuarch presenterà l’Orto Cinetico, installazione optical come omaggio e tributo all’artista venezuelano Carlos Cruz-Diez. Passaggio d’obbligo anche per l’affascinante Accademia di Brera e il suo suggestivo Orto Botanico.

Fuorisalone 2016: Porta Venezia

Al suo quarto appuntamento la zona propone un cammino differente dove storia, cultura e arte si mescolano con le novità del design. Porta Venezia caratterizzata dallo stile Liberty offre visite guidate in collaborazione con il FAI come ad esempio l’osservazione dell’Albergo Diurno Venezia, progettato dall’architetto Piero Portaluppi, che dopo decenni di abbandono conserva ancora il fascino dello splendore di un tempo. La stessa location ospiterà VESTAE: Venti studenti della Creative Academy – Richemont Group che, in tandem con la Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte e Eligo.it, presentano una collezione ispirata al wellness. Il quartiere offre anche un percorso food&wine tra gli esercizi del quartiere, memore anche dell’ultimo EXPO. Tra le opportunità da visionare WaxMax insieme a Studio Picone Roma che presenta l’evento Into the wax – african textile experience; mentre Casa Museo Boschi Di Stefano & CASVA – Centro di Alti Studi sulle Arti Visive presentano: Roberto Sambonet – architetture del quotidiano domestico. Immancabile la visita da Jannelli&Volpi che proporrà l’avvenimento Wallpaper Interiors dove illustrerà le nuove carte da parati Janelli&Volpi, le collezioni arredo e oggettistica di J&V store ma principalmente la linea wallcovering Armani Casa. All’interno dello spazio prenderanno vita 7 corners di puro design italiano tra: Idee e prodotti.

Fuorisalone 2016: Zona Sant’Ambrogio

Quartiere generale di questa area del design sarà un convento degli inizi del ‘900 situato in via San Vittore 49, ora in parte trasformato in studentato, residence e spazio per il cow-working. Per una settimana accoglierà l’esposizione DOTDESIGN giunta alla quarta edizione, a opera di designer emergenti provenienti da tutto il mondo selezionati attraverso una call aperta ed internazionale dedicata ai prodotti innovativi e sostenibili. La mostra Next Design Innovation raduna ventuno prototipi interattivi di designer under 35 che esplorano nuove tipologie di prodotto e raccontano un’inedita relazione tra design e nuove tecnologie, selezionati dal bando promosso dalla Regione Lombardia. All’esterno della struttura avrà luogo EAT Urban, il ristorante all’aperto della Milano Design Week, con una decina di cucine su ruote provenienti da tutta Italia. Eventi collaterali animeranno la zona con incontri, brunch, dj-set e market. Da sempre cuore pulsante dell’area è lo Spazio Rossana Orlandi, luogo affascinante e di culto per gli amanti del design dove le novità si affiancano ad elementi vintage di rinnovata attualità. Attraversando il Palazzo delle Stelline e il Palazzo Litta dove sarà presente Belgian Matters, felice incontro tra tredici designer belgi con altrettante aziende, si può raggiungere la Triennale dove è partita la XXI Esposizione Internazionale della Triennale di Milano dal titolo 21st Century.Design After Design. Dopo vent’anni torna la grande esposizione internazionale della Triennale di Milano, che si svilupperà attraverso un programma di mostre, eventi, festival e convegni diffusi in tutta la città. L’occasione per decodificare il nuovo millennio e individuare i cambiamenti che coinvolgono l’idea stessa di progettualità (dal 2 aprile al 12 settembre 2016).

Fuorisalone 2016: Ventura Lambrate

Per il settimo anno consecutivo si conferma uno dei poli più intriganti legati al Fuorisalone e al Salone del Mobile, il dinamico quartiere di Lambrate ospiterà oltre 160 espositori internazionali che animeranno per una settimana l’intera zona. Un mix suggestivo di progetti e installazioni di prestigio nati dall’esplorazione di nuove tecnologie e ricerche di design, prototipi, iniziative di gruppo e crossover. Tra le quasi 800 candidature sono 30 i paesi di provenienza dei partecipanti all’evento (Nord Europa, Sud America e Asia), con una forte componente olandese come da tradizione. Ventura Lambrate si riconferma un vero e proprio design district, anche se temporaneo, dove la sperimentazione, la creatività si fondono in un progetto dal forte impatto e dai contorni concettuali ma contemporanei.

Gli eventi del Fuorisalone saranno davvero molteplici, sparsi per l’intera città di Milano, senza dimenticare la zona dell’Università Statale che lancerà il tema Open Borders aprendo le danze il 12 aprile con l’opening party coordinato dal magazine Interni. Altri appuntamenti si svilupperanno attraverso la zona di San Babila, che coinvolgerà gli spazi di Durini, Monforte, Quadrilatero, per poi approdare al quartiere delle 5Vie ARTE+DESIGN dove negozi, laboratori, cortili dei palazzi storici, reperti archeologici e botteghe artigiane apriranno le porte al design e al pubblico. Al suo terzo appuntamento 5Vie propone un’occasione in più per osservare da vicino l’eleganza e la passione del lavoro artigianale, per un percorso tra storia e cultura ma sempre con la mente rivolta verso il futuro. Scarpe comode e borse leggere quindi, per affrontare con slancio e interesse questo cammino ricco di spunti, idee e suggestioni avvincenti e magnetiche.

Teatro di IED Moda

Non solo Game Design Week e Fabbrica del Vapore: tra gli appuntamenti targati IED – Istituto Europeo di Design per il 2016, che rappresenta un momento carico di valore simbolico per la Scuola, perché connesso alle celebrazioni del 50° anniversario della sua fondazione, non poteva mancare il Milano Design Award. Giunto alla sesta edizione, il premio seleziona i migliori progetti espositivi del Fuorisalone  e i vincitori verranno annunciati domenica 17 aprile nella cerimonia di premiazione che si terrà presso il Teatro di IED Moda, in via Pompeo Leoni, 3.