Siete pronti a scoprire i nuovi arredi di Bottega Veneta Home? La maison di moda ha presentato, durante il Fuorisalone 2018, la sua collezione disegnata dal direttore creativo Tomas Maier.

Una linea per la casa, nel rispetto dell’artigianalità e dell’armonia tra materia, design e funzionalità che da sempre caratterizzano le proposte della maison, propone nuove finiture per pezzi iconici e una palette più colorata: “Volevo presentare qualcosa di molto diverso rispetto alle proposte introdotte due anni fa, grafiche e smorzate nel colore”, ha spiegato Tomas Maier. “Mi piace offrire al mio cliente nuove idee su come creare uno spazio abitativo”.

Si parte con tre pezzi dedicati all’illuminazione e realizzati grazie alla collaborazione con la designer italiana Osanna Visconti di Modrone, creati con la tecnica della cera persa, solitamente impiegata in scultura, che dà vita a una trama intrecciata tattile sul bronzo. Tra questi anche uno scenografico lampadario di grandi dimensioni che ha debuttato a New York in occasione dell’inaugurazione della boutique della griffe in Madison Avenue.

(Foto: ufficio stampa)

(Foto: ufficio stampa)

Tra le novità: la seduta Rudi Fringe, con un bordo intrecciato lungo la base che prosegue in una frangia ispirata alla passamaneria; nella collezione di porcellane un delicato motivo con farfalle dipinte a mano; il debutto di BV Tre – prima vera famiglia di sedute modulari del brand – ,che si compone di tre pezzi, una seduta angolare, una seduta singola e un pouf.

(Foto: ufficio stampa)

(Foto: ufficio stampa)

(Foto: ufficio stampa)

(Foto: ufficio stampa)

Tanti i nuovi look di pezzi divenuti ormai icone della collezione Home di Bottega Veneta, come per il tavolo architettonico in metallo 8-Arches, disponibile con un piano di marmo bianco e nero di grande impatto. Diventano più audaci e grafici il Camp Bed e il Double Camp Stool, nella versione in intrecciato a contrasto bianco e nero.

(Foto: ufficio stampa)

(Foto: ufficio stampa)

La nuova collezione viene esposta nella boutique in Via Borgospesso, all’interno di Palazzo Gallarati Scotti, nel cuore di Milano. Maier ha curato anche una selezione di opere d’arte contemporanee provenienti dalla galleria Robilant + Voena, tra pezzi di Agostino Bonalumi, Alberto Burri, Mimmo Rotella e Pietro Consagra: nella cornice degli storici affreschi del palazzo settecentesco, le opere e i mobili creano un connubio di tradizione e innovazione che è l’essenza di Bottega Veneta.

Leggi anche Fuorisalone 2018: la collezione Objets Nomades di Louis Vuitton