Dal primo marzo su FX “Boris” ritorna su SKY alle 22.45 con un nuovo ciclo di episodi diretti, per la prima volta, da Davide Marengo. Archiviata l’esperienza de “Gli occhi del cuore”, in questa terza stagione, la troupe televisiva più sgangherata del piccolo schermo dovrà cimentarsi con un nuovo ambizioso progetto: la realizzazione di una fiction simile ai telefilm americani.

“Boris” è diventato un vero e proprio fenomeno di culto; amata e venerata da un vasto seguito di telespettatori, la serie è stata premiata dal pubblico per il coraggio con cui ha saputo esplorare i difetti e i meccanismi nascosti del telefilm made in Italy: un prodotto spesso penalizzato dalle limitazioni imposte dalle reti generaliste le quali non permettono agli autori di agire in completa autonomia, sia di stile che di contenuto. Se non siete riusciti a seguire le prime due stagioni della serie, gli episodi precedenti sono visibili in chiaro ogni venerdì alle 21.00 su Cielo.

Riuscirà l’amatissimo René Ferretti ad innalzare gli standard qualitativi della fiction italiana con il serial, “Medical Dimension“? Un’impresa difficile: sul set, infatti, non mancheranno i guai, tormentate love story e una numerosa lista di raccomandati pronti al successo facile. Affianco al divo, troppo italiano, Stanis La Rochelle, ci saranno una nuova attrice e altri personaggi inediti pronti a recitare in questa nuova produzione. Paolo Sorrentino, Valentina Lodovivni, Laura Morante e Filippo Timi sono solo alcune delle numerose guest star di questa stagione.

In occasione della messa in onda di “Boris”, FX, cambia completamente palinsesto attraverso una programmazione interamente rinnovata: la quarta stagione di “Dexter” e la prima di “Bored to death” faranno il loro debutto in anteprima italiana. Il canale, inoltre, diversificherà i generi proposti: si spazierà dall’intrattenimento del “Saturday Night Live”, alla docu-fiction, dalla stand up comedy, all’animazione per adulti.