Toniche e morbide come seta, sgonfie e con la pelle luminosa e senza macchie: le gambe perfette sono in grado non solo di attirare l’attenzione al loro passaggio, ma aiutano una donna a sentirsi particolarmente sicura di sé.

Qualche anno fa, un team di esperti ha stilato una vera e propria formula per stabilire come debbano essere le gambe perfette: le ossa devono essere dritte dalla coscia alla caviglia e sottili. Le rotondità sul polpaccio devono essere piccole ma ben pronunciate fino alla caviglia, di modo che le gambe abbiano un aspetto proporzionato e affusolato. I talloni dovrebbero essere alti, perché il calcagno elevato aumenta la convessità dei muscoli superiori del polpaccio, rendendo la caviglia più sottile, fragile e femminile. Se per alcune di queste caratteristiche ci si può affidare soltanto a madre natura, per altre, invece, si può lavorare, a iniziare da semplici regole da seguire con costanza.

Un’alimentazione sana e una corretta attività fisica, infatti, rappresentano le basi da cui partire per avere gambe perfette, ma una adeguata routine di bellezza, fatta di scrubesfoliazione e creme è il completamento necessario e indispensabile per arrivare all’estate in forma. Soprattutto durante le giornate più calde e umide, per rinfrescare e idratare le gambe a fine giornata sono consigliati preparati a base di mentolo ed eucalipto, l’utilizzo quotidiano di Centellase Vital gambe e sono ottimi gli impacchi casalinghi effettuati con il gel d’aloe freddo, con il tè verde lasciato a lungo infusione, anche questo rigorosamente freddo, e con l’aceto di mele, ottimo in caso di sensazione di gonfiore.

Vediamo, allora, 15 consigli d’oro per arrivare all’estate nel modo migliore prevenendo così il problema del gonfiore alle gambe.

  1. Per alleviare il senso di pesantezza e di affaticamento di gambe e caviglieCentellase Vital gambe è un vero e proprio toccasana. La crema gel può essere utilizzata ogni giorno e andrebbe applicata con un massaggio circolare dalle caviglie verso l’alto. Per aumentare la sensazione di freschezza durante l’applicazione, può essere utile riporre il tubo in frigorifero. Centellase Vital gambe – ai principi attivi naturali titolati e standardizzati di Centella asiatica, Escina e Ginkgo biloba – si assorbe rapidamente e assicura un piacevole effetto di freschezza e idratazione sulla pelle. L’azione sinergica del mentolo e del mentil lattato dona un’immediata e prolungata freschezza ed una piacevole sensazione di leggerezza.
  2.  Verdura e frutta, ricche di potassio e magnesio e povere di sodio, favoriscono la ritenzione dei liquidi. Frutti ideali sono i mirtilli, poiché sono ricchi di vitamine del gruppo A e C, mirtillina, acido citrico e manganese, un mix di sostanze molto indicato per rinforzare le pareti dei capillari che migliora di conseguenza la circolazione. Ottimi anche pesce, cipolla, aglio e porri, che fluidificano il sangue. Vietati i cibi grassi e un eccessivo utilizzo di spezie, i cui residui rimangono nell’intestino comprimendo le vene e rendendo la circolazione sanguigna più difficoltosa.
  3. Bere tanta acqua (circa due litri al giorno) è fondamentale per depurare l’organismo dalle tossine ed evitare di conseguenza il ristagno di liquidi nelle gambe. È buona abitudine iniziare la giornata bevendo acqua tiepida e succo di limone.
  4. La vita sedentaria è uno dei grandi nemici delle gambe perfette: praticare regolarmente attività fisica consente di mantenere tonica la muscolatura delle gambe, combattere il ristagno dei liquidi e permette di tenere il peso sotto controllo. Tra gli sport da preferire ci sono nuoto e acqua gym, perché le gambe si rassodano e tonificano senza caricare troppo la schiena. Ottimi anche il jogging, il fit walking e la bicicletta.
  5. Per sgonfiare le caviglie è consigliabile fare ricorso a prodotti in compresse, in gocce o in crema a base di Centella Asiatica, che contengono tannini e flavonoidi in grado di agire sul sistema linfatico e drenare i ristagni.
  6. Le bevande alcoliche e quelle gassate provocano ritenzione idrica e possono aumentare inestetismi della pelle, per cui è meglio limitarne il consumo. Sono, invece, da preferire acqua naturale e tè verde, per purificare il corpo, drenare i liquidi e migliorare l’aspetto delle gambe.
  7. Gli indumenti troppo stretti dovrebbero essere banditi: la compressione del pantalone ostacola il flusso del sangue, impedendo all’acqua di drenare e di conseguenza rendendo ancora più visibile la cellulite.
  8. Le scarpe con i tacchi alti non andrebbero indossate per molte ore consecutive, soprattutto se si fa un lavoro che costringe a rimanere in piedi per tutta la giornata. Anche le scarpe rasoterra non vanno bene: il tacco perfetto è di 2 o 3 centimetri.
  9. Tenere le gambe incrociate per lunghi periodi compromette il fluire della circolazione. La pressione infatti è maggiore sulla vena della coscia che causa quindi ritenzione idrica. Invece di prediligere le posizioni statiche, è meglio muovere il più possibile le gambe, anche da sedute, in modo riattivare spesso la circolazione.
  10. Una corretta routine quotidiana prevede l’utilizzo di un olio detergente da utilizzare sotto la doccia, in modo da mantenere la pelle più elastica. L’acqua dovrebbe rimanere sotto i 37 gradi, per rassodare le fibre cutanee. Le più costanti potrebbero passare sulle gambe un getto di acqua fredda in senso circolare e stendere subito dopo una crema rassodante, pizzicando leggermente la pelle.
  11. È buona norma passare sulle gambe, durante e dopo la doccia, uno scrub leggero una volta alla settimana. Sono ottimi quelli a base di sali marini o minerali. In questo modo si eliminano le cellule morte e le gambe appaiono lisce e setose al tocco. È poi fondamentale stendere tutti i giorni, anche d’inverno, una buona crema idratante che restituisca alla pelle l’elasticità e il tono persi a causa della sua particolare struttura, meno ricca di ghiandole sebacee.
  12. Dopo l’inverno, è facile ritrovarsi con la pelle secca e squamosa: il primo passo per togliere il grigiore dalle gambe è il peeling. In commercio ci sono molto prodotti da usare a secco o sotto la doccia. Esistono spugne speciali che possono essere usate sotto la doccia (da non fare mai con acqua troppo calda). In questo modo, si eliminano le cellule morte e i peli incarniti e si migliora la circolazione sanguigna
  13. La depilazione va eseguita a scadenza regolare. Prima di procedere, un peeling o uno scrub sono d’obbligo poiché, oltre a rimuovere le cellule morte, sollevano i peli incarnati, consentendo così di toglierli senza problemi. La ceretta calda va fatta con attenzione, perché favorisce l’insorgere di capillari. Dopo la ceretta calda o l’uso di creme depilatorie è preferibile non esporre subito le gambe al sole.
  14. Le gambe abbronzate sembrano anche più snelle, ma bisogna evitare l’eccessiva esposizione al calore dei raggi solari, che provoca la dilatazione dei capillari e può essere causa di microrotture venose. Infine, una tintarella troppo scura “invecchia” le gambe e ha il potere di mettere in evidenza la cellulite. La crema solare va spalmata anche su tutta la superficie dei piedi, spesso dimenticati e a rischio scottature.
  15. Vera e propria coccola salutare è il massaggio linfodrenante che, con i suoi movimenti delicati, è l’ideale per eliminare i liquidi in eccesso e riequilibrarne la circolazione. Adatto anche a chi ha problemi di fragilità capillare. Sono sufficienti poche sedute per veder scomparire senso di pesantezza e gonfiore alle gambe.

Pubbliredazionale