George Clooney potrebbe aver adocchiato il suo prossimo film da regista: The Yankee Comandante. Un dramma storico ambientato a Cuba basato sulla vicenda di un americano che nel 1959 ha appoggiato i ribelli e Fidel Castro contro Fulgencio Batista. Per poi rischiare la morte.

George Clooney sta per tornare alla regia, dopo appena un anno dal successo de Le Idi di Marzo, suo quarto film dietro la telecamera nominato agli Oscar, ai Bafta e ai Golden Globe. È infatti in trattative per i diritti di un articolo uscito da poco sul New Yorker, The Yankee Comandante appunto, scritto da David Grann.

Galleria di immagini: Sandra Bullock e George Clooney

L’articolo racconta la storia di William Alexander Morgan, l’unico altro straniero ad aver raggiunto lo status di Comandante, insieme all’argentino Che Guevara, dopo aver sostenuto i ribelli e Fidel Castro. Se non fosse che, poi, è stato accusato di essere una spia al soldo dei servizi segreti statunitensi, imprigionato con il rischio della pena di morte. Persino J. Edgar Hoover era alle sue calcagna a cercare di capire quali fossero le sue ragioni.

Ma questo non sarebbe l’unico impegno in cantiere per Clooney. Oltre a Gravity, film fantascientifico ormai in fase di post-produzione di Alfonso Cuaron con Sandra Bullock, George starebbe lavorando alla trasposizione di un libro sulla seconda guerra mondiale. Il 2013 sarà un anno molto intenso per il bell’attore americano.

Fonte: HollywoodReporter