Prepararsi a diventare genitori non è mai facile, ma George Clooney sta facendo del suo meglio per arrivare preparato al momento in cui i suoi primi due figli, i gemelli che sta aspettando dalla moglie Amal Clooney, nasceranno.

Parlando con Extra per la promozione del suo nuovo film Suburbicon al CinemaCon di questa settimana, George Clooney ha rivelato alcuni dettagli su come si sta preparando alla paternità. Dopo aver sostenuto che Amal “sta benissimo” e che è “fantastica”, l’attore si è lamentato del fatto che al momento non ha da fare niente per prepararsi all’arrivo dei gemelli, che dovrebbero nascere in estate. “Non ho niente da fare, solo preparare tè o cose del genere”, ha spiegato il divo hollywoodiano.

Tuttavia, George Clooney si dice sicuro di sapere cosa fare quando i neonati nasceranno, scherzando sul fatto che è bravissimo nell’arte del “fasciare” e che dovrà comunque imparare a mettere i pannolini, non tanto per i bambini, ma per lui, visto l’età che avanza! Anche gli amici dell’attore e di Amal sono di supporto e sono convinti che George sarà un ottimo padre. “Penso che sarà naturale. Non sono preoccupata per lui neanche un po’”, ha rivelato a Extra Julienne Moore, che è molto amica del sex symbol, e pensa che l’uomo sia pronto per diventare padre.

L’unica nota leggermente stonata in questo bellissimo quadro è il non accordo tra i due futuri genitori sul nome da dare ai figli, che saranno un maschio e una femmina. Secondo il Daily Mail, infatti, Amal Clooney avrebbe rifiutato tutte le proposte del marito.

Durante il CinemaCon 2017, George Clooney ha infatti rivelato che la moglie si è rifiutata categoricamente di chiamare i bambini come il suo brand di tequila Casamigos, che possiede con l’amico Rande Gerber (marito di Cindy Crawford).

Galleria di immagini: Amal Clooney, le prime foto con il pancione

“Mia moglie dice che non posso chiamarli Casa e Amigos. Questa è l’unica cosa che non mi è permesso fare”, ha scherzato George, aggiungendo che, nonostante non riesca a chiamarli con nomi buffi, sarà l’esperienza di padre “a essere divertente”.