Sempre più diffusa la piaga dell’abuso di minore, dopo il caso del nonno ucciso perché abusava della nipote di cui ci eravamo purtroppo occupati. Giunto da poco alle cronache un altro terribile caso di abuso sessuale su minore, perpetrato dalla madre e dal compagno di lei sul figlio di soli 8 anni.

Una storia, alle porte di Berlino, che ha sconvolto i vicini di casa di quella che consideravano una famiglia normale e serena.

Veniamo a conoscenza dalle pagine di Giornalettismo della triste vicenda di Rosmarie, 39enne irreprensibile madre premurosa di un bambino di 8 anni, efficiente infermiera all’Ospedale Psichiatrico di Spandau, ma terribile aguzzina in compagnia del fidanzato Andrew Mc G.

A febbraio era scattato l’arresto, grazie alla deposizione del piccolo che aveva trovato la forza e il coraggio di denunciare i suoi stupratori. A sostegno dell’accusa era partita la denuncia da parte di un’amante di Andrew, per detenzione di materiale pedopornografico.

La coppia era solita abusare del piccolo, al quale la madre somministrava farmaci per sedarlo. La donna riprendeva le violenze con una videocamera, per poi spedire i filmini al compagno, camionista, che poteva visionarli durante le lunghe assenze per lavoro.

La coppia è stata accusata dal Tribunale di Berlino per l’abuso, i traumi e la sofferenza impartita al piccolo, e per altri due casi di violenza analoga su un nipote della donna e un compagno del figlio. Il bambino è stato affidato alle cure di una casa famiglia, mentre i due aguzzini si accusano a vicenda incuranti della vita che hanno contribuito a spezzare con forza.

In Italia opera da molti anni il Telefono Azzurro, un valido supporto che si rivolge direttamente alle vittime di abuso.

Questo il numero di telefono a cui rispondono 24 ore su 24 operatori specializzati: 19696