Si sentono molto spesso donne lamentarsi riguardo alla mancanza di romanticismo nel compagno. E se invece fosse il proprio uomo a sentirne la mancanza? Una coppia senza manifestazioni d’affetto, d’amore e di cura è destinata a perire, perciò prima di tornare al solito disco rotto, vediamo se si riesce a cambiare la prospettiva.

Il romanticismo non interessa ovviamente solo quella bella fase iniziale del corteggiamento, ma va alimentato anche durante le relazioni di lunga data per non farle seccare nel deserto della routine. Perciò bisogna cominciare a chiedersi se si è prestata la giusta attenzione al proprio compagno, o se invece non si è rimaste ad aspettare una mossa da parte sua. Se non si ha la più pallida idea di cosa fare per farlo sentire amato e apprezzato, c’è un problema. Che però si può risolvere facilmente.

Un gesto carino, semplice e di sicuro effetto è lasciargli un post-it affettuoso, un bigliettino o una piccola lettera da qualche parte. Se non si è tipe da sdolcinatezze, basta semplicemente augurargli una buona giornata, magari con qualche cuore o uno “Smack”, e appiccicare il bigliettino sulla sua borsa, o in macchina o in qualsiasi altro posto non possa evitare. Il classico è poi preparargli il suo piatto preferito e organizzare una cenetta romantica a sorpresa, con o senza candele d’atmosfera. E anche qui non c’è bisogno di misurarsi con timballi o torte sopraffine, qualsiasi cosa che lui riconosca come gesto d’amore va benissimo.

Se proprio i fornelli non sono il proprio campo d’azione si può organizzare una serata speciale fuori casa. Portarlo un sabato sera a mangiare il suo piatto preferito, oppure comprare i biglietti per un concerto del gruppo che ascolta di più, portarlo a bere nel locale dove voleva andare da un po’. Oppure: organizzare un weekend nella località che ha sempre voluto visitare, portarlo alla mostra del suo artista preferito. Sono accortezze che non richiedono né particolare spesa, né tempo, ma accendono la coppia di nuove scintille.

Lo stesso fanno quei piccoli gesti quotidiani per venirgli incontro quando è in difficoltà. ad esempio se è in un momento professionale molto critico in cui non riesce nemmeno a sollevare la testa dal computer, preparargli pranzo oppure cena, sollevarlo per un po’ dall’incombenza di lavare i piatti, o pulire la casa. Aiutarlo è un modo per essere utili mostrandogli la propria premura, e quindi il proprio amore. Infine il classico dei classici: fargli un regalo in un giorno qualunque, magari quando lo stress lavorativo ha raggiunto livelli d’allarme, fargli trovare un pensiero, qualcosa che voleva da un po’ senza avere il tempo di comprarlo, sulla scrivania o in auto. C’è niente di più romantico?

Fonte: SheKnows