I ragazzi del Grande Fratello 10 fanno amicizia tra loro e iniziano a fioccare i soprannomi. Tullio Tomasino, ventitreenne catanese con una vaga somiglianza con Austin Powers, è stato rinominato “Ariso“: occhialoni neri da nerd, sguardo scanzonato, naso non indifferente, la somiglianza con la giovane cantante che ha trionfato allo scorso festival di Sanremo è più che evidente.

Massimo Scattarella, invece, è “Pitbull“, per il suo fisico da budy builder e la dieta iperproteica che segue, mangiando un chilo e mezzo di pollo al giorno. George Leonard, personal trainer di Foligno, è “Aladino” a causa del suo stile orientaleggiante nel vestire. Davide Vallicelli è stato soprannominato “il Conte“, per via del suo look da dandy di altri tempi, mentre Maicol Berti, gay ventiduenne di Rovereto, è diventato “Platinette“.

Cominciano anche le prime confessioni: Alberto Baiocco, praticante cattolico da Vasto, si era proclamato vergine in attesa dell’amore vero, ma prima di entrare nella casa pare abbia fatto l’amore, forse per non cedere alle lusinghe di tutte quelle ragazze spesso in abiti succinti. In effetti, il sesso nella casa è stata una consuetudine di tutte le edizioni.

Infine, prosegue la caccia al trans: quale tra i sedici inquilini è la donna diventata uomo?