Un sabato diverso per i ragazzi del Grande Fratello. Gli abitanti della casa di Cinecittà si sono divertiti in un passatempo inusuale: hanno inscenato dei personaggi creati da loro stessi.

È accaduto lo stesso giorno della luculliana cena graziosamente concessa dagli autori, ma quello che più colpisce è vedere questi ragazzi cimentarsi in dei personaggi in cerca d’autore.

Così Massimo è diventato un detenuto tatuato e Cristina la sua donna, una massaia incinta; George, da bravo esteta, ha recitato il ruolo del divo e Mara quello della femme fatale; Giorgio ha fatto l’imitazione di un rapper ispirandosi a “Serenata Rap” di Jovanotti, mentre Camilla e Veronica hanno portato in scena tutto il loro sex appeal; infine Maicol ha fatto venir fuori tutta la sua effeminatezza dando vita ad un’isterica Mrs. Masculina.

Certo, è strano vedere una cosa del genere, il Grande Fratello stavolta ha superato se stesso: mettere in scena la pantomima di una farsa, ossia lasciare spazio a qualcuno che impersona una propria fantasia. Se fossimo ancora nell’epoca del Decadentismo ci sembrerebbe così avantgarde.