È Mario Ermito la prima vittima della dodicesima edizione del Grande Fratello: l’affascinante modello non ha saputo tener testa a Sofia D’Altrui in nomination, e ha dovuto così abbandonare la casa di Cinecittà. Ad accompagnarlo alla porta rossa potrebbero esserci, la prossima settimana, una fra Claudia Letizia e Gaia Elide Bruschini.

Mario Ermito ha dovuto scontare la propria appartenenza al gruppo dei “separatisti” del reality, capitanati da Filippo Pongiluppi e da Luca Di Tolla, poco graditi al pubblico e agli stessi concorrenti del programma. Lo si evince anche dal fatto che Sofia D’Altrui è stata per quindici giorni una presenza silenziosa fra gli inquilini, tanto muta che ci si chiede come i telespettatori possano essersi accorti della sua partecipazione.

Galleria di immagini: Grande Fratello 12, i concorrenti

Ma la vittoria di Andrea Cocco nella precedente edizione conferma il suo trend: il pubblico si è stufato di urlatori maleducati e premia la pacatezza. Tranquillità a buoni modi che a Sofia di certo non mancano, a differenza di quasi tutta la totalità dei suoi compagni di avventura. Non ultimo, Mario in questa settimana si è reso protagonista di alcuni litigi accesi soprattutto con le ragazze, forse fomentato dalle due menti “paranoiche”, così come Alessia Marcuzzi ieri sera li ha definiti, Filippo Pongiluppi e Luca Di Tolla.

In nomination ci finiscono Gaia Elide Bruschini, Miss Lesbica 2010, e Claudia Letizia, Mamma Burlesque. Gaia si è un po’ spenta rispetto alle scorse settimane, anche se la sua presenza al Grande Fratello sembra essere tutto sommato gradevole. Claudia, invece, non ha saputo esporsi nella recente secessione fra i concorrenti, limitandosi a inveire sull’infantilità dei propri colleghi e affermando di voler vivere il gioco pensando solo a se stessa. Un atteggiamento che, evidentemente, non è stato gradito da nessuno dei due gruppi.

La puntata del Grande Fratello ha voluto spingere su temi pruriginosi, come quello della presunta omosessualità di Luca Di Tolla, forse per risollevare l’audience dopo una seconda puntata al minimo storico di ascolti. Tra risse continue, linguaggio intollerabile nei confronti del genere femminile, falsi scoop e manie di protagonismo, il cast sembra tuttavia mal assortito. E pensare che, fino a nemmeno poco tempo fa, ci si lamentava della vena polemica di Guendalina Tavassi: nulla rispetto a quello che sta succedendo in questa edizione, dove sono già sorte risse che sarebbero forse concepibili dopo sei mesi di permanenza, non due settimane.

Nel frattempo, mentre tutti litigano senza dimostrare però motivi validi, Rudolf Mernone e proprio Sofia si godono una nottata romantica in un tugurio appositamente abbellito per la situazione. Tra un bicchiere di vino e una pizza, chissà che i due super educati di Cinecittà non diano il buon esempio ai compagni.