L’ultima puntata per Giampaolo Morelli nel ruolo dell’ispettore Coliandro? Una possibilità non troppo remota, dato che il simpatico attore ha espresso il proprio dissenso a causa della sistemazione della fiction, in cui lui è protagonista, all’interno del palinsesto.

L’ispettore Coliandro” va in onda il venerdì in prima serata e, il prossimo 26 marzo, potrebbe esserci l’ultima puntata. Il venerdì è una serata difficile per un programma che si rivolge per lo più a fasce giovanili, in particolare agli spettatori tra 15 e 30 anni, che spesso in questa serata hanno di meglio da fare che guardare la TV, cosa che invece spesso fanno durante la settimana a causa degli impegni di lavoro o di studio.

Così Morelli, non contento della collocazione della serie, si vuole ribellare:

In queste condizioni di programmazione non sarò più disponibile a interpretare “L’ispettore Coliandro”. Programmare la fiction di venerdì, quando i ragazzi che lo amano escono la sera, significa non valorizzare questa fiction così originale per linguaggio. So che il direttore di Rai Due Massimo Liofredi ci tiene molto, ma allora mi chiedo perché buttarla al venerdì?

In effetti, la trasmissione è rivolta, proprio per i dialoghi e le situazioni vicine al mondo dei giovani, a una fascia d’età che dedica il venerdì agli amici piuttosto che al relax casalingo. In questo modo, la fiction ne potrebbe risultare penalizzata sul piano degli ascolti. Vedremo se la Rai accoglierà l’appello dell’attore.