Il sindaco di Roma Gianni Alemanno ha espresso la sua opinione in merito alle ultime riforme proposte dal Governo, una tra tante l’ultima {#Manovra Finanziaria} approvata. Secondo Alemanno, il governo di destra è l’unico negli anni ad aver proposto riforme a favore degli italiani:

«In questi diciotto anni di seconda Repubblica solo il centrodestra ha fatto le riforme. Magari non ne ha fatte abbastanza, ma le ha fatte. Il centrosinistra ha fatto solo controriforme come nel caso delle pensioni. Quindi, le riforme le fa il centrodestra e può farle questo schieramento. Per crescere i protagonisti sono le famiglie e le imprese. Vogliamo tenere queste persone fuori dal confronto reale? Non credo sia possibile.»

Galleria di immagini: Nicole Minetti

La possibilità di creare un governo di soli esperti del settore è lontana dai programmi della destra perché le persone devono essere in grado di capire quali sono le riforme attuate per il bene dell’Italia. Tuttavia, secondo il sindaco della Capitale è proprio questa influenza delle persone che crea scompiglio al Governo, sottoponendo ministri e Presidente del Consiglio a uno stress intollerabile:

«L’esempio più evidente del clima avvelenato in cui si consuma lo scontro politico è la persecuzione giudiziaria e mediatica cui è sottoposto il Presidente del Consiglio e leader del centrodestra, Silvio Berlusconi. Nessuna prospettiva per il futuro può essere costruita facendosi condizionare o, peggio, ricattare da questo clima intimidatorio che non ha eguali nella storia delle democrazie europee»

Una possibile soluzione? Fare fuori personaggi come Nicole Minetti dai consigli regionali. In questo modo, si potrebbe evitare lo scandalo e si metterebbero a tacere i maliziosi:

«Dobbiamo dire con chiarezza: mai più Minetti nei Consigli regionali perché in questo modo offendiamo il Pdl e Silvio Berlusconi»

Come reagirà il consigliere regionale della Lombardia, considerando che l’idea di Gianni Alemanno è condivisa da molti altri italiani?

Fonte: Il Messaggero