Il giardinaggio fai da te: un passatempo o un’arte? L’uno e l’altra insieme. Il giardinaggio è soprattutto amore per il green, per il verde in casa e fuori. Arte, lavoro o passione per il verde, comunque e al di là delle motivazioni psicologiche o pratiche, come per tutte le attività, anche per il giardinaggio fai da te servono attrezzature e strumenti adeguati. Al di là dei tanti kit in commercio, perché non cimentarsi nell’utilizzo di strumenti che, fra i tanti, rispondono maggiormente alle vostre esigenze? Pochi ma buoni! E quest’arte diventa più piacevole e meno faticosa.

Strumenti indispensabili per il giardinaggio fai da te

  1. Zappa: uno strumento indispensabile per la preparazione del terreno alla nuova semina o per svegliarlo dal letargo invernale. Con la zappa, infatti, è possibile estirpare le erbacce e rivoltare bene la terra, per mescolarne gli strati profondi con quella di superficie. Una preparazione utile, che aiuta la terra a ricevere nel suo grembo i nuovi semi dai quali sbocceranno splendidi fiori.
  2. Vanga: utilizzata come la zappa per rigirare e mescolare grandi porzioni di terreno in giardini più grandi; è disponibile però anche in versione “pocket”, per piccole zolle e lavori molto precisi, come ad esempio la delimitazione di aiuole e bordure. Triangolare o quadrata, trapezoidale o a goccia a seconda degli utilizzi, la vanga è utile anche per concimare le piante già  messe a dimora.
  3. Piantabulbi: è un attrezzo che serve per scavare le buche in cui deporrre i bulbi o i semi. In legno o in metallo, ha una dimensione a cono.
  4. Rastrello: di grandi o piccole dimensioni, serve a livellare il terreno prima della semina, per ripulire il giardino dalle erbe estirpate con la vanga o la zappa, per spargere il concime.
  5. Forbici da potatura: devono essere di alta qualità, come tutti gli strumenti e le attrezzature. Lame resistenti agli impatti e alla ruggine e molto affilate per potare le piante alla perfezione per gli esperti. Per gli hobbisti del giardinaggio domestico, bastano forbici dalle lame affilatissime e resistenti.
  6. Segaccio o sega: una piccola sega dalle lame robuste e dalla robusta struttura serve per tagliere i rami più resistenti e potare certi alberi da frutto. Va scelta sempre di alta qualità.

I consigli

Il giardinaggio è un hobby “nobile”, per vivere uno spazio verde curato nei particolari che lo rendono unico. Fate sempre attenzione alla qualità di strumenti e attrezzature per un giardinaggio fai da te che nulla ha da invidiare ai bei giardini curati dai professionisti di settore: forme e dimensioni giuste, soprattutto, per avere a portata di mano quello che è veramente utile.

I vostri strumenti devono essere funzionali e maneggevoli, leggeri e resistenti, in modo che possiate praticare il giardinaggio fai da te in piena sicurezza. Preferite le marche conosciute, che potrete trovare nei supermercati che hanno un apposito spazio o nei garden center. Un rastrello, il sarchiatore per estirpare le erbe infestanti, una carriola per facilitare il trasporto, l’innaffiatoio, vasi di dimensioni varie e sottovasi completano una dotazione ottimale.

Strumenti di protezione in giardino

  • Guanti spessi da giardinaggio, per non graffiarsi in caso di eventuale contatto con frammenti di materiali vari ma difendersi anche da punture degli insetti e vesciche.
  • Scarpe da giardinaggio con punta rinforzata, che coprano le caviglie, o meglio stivali di gomma, per evitare punture di insetti e pericolosi graffi che potrebbero infettarsi.
  • Un grembiule per non sporcarsi e avere in tasca, a portata di mano, gli attrezzi indispensabili.
  • Opportuno, poi, difendersi dai cambiamenti atmosferici: d’estate con un bel cappello a tese larghe per ripararsi dal sole, creme protettive e abiti in tessuti leggeri in colori piuttosto chiari. E d’inverno, con abiti idrorepellenti e isolanti.

La manutenzione

Come per tutti gli strumenti per il fai da te, è importante la manutenzione oltre che la pulizia degli strumenti utilizzati per il giardinaggio fai da te.

È indispensabile: disinfettare gli attrezzi utilizzati per piante malate prima di riporli; pulire accuratamente, affilare e poi, con un vecchio straccio, oliare le lame degli strumenti che potrebbero arrugginire se deposti in luogo umido. Utile, infine, tenere gli strumenti appesi al muro mediante la loro impugnatura per evitarne l’ossidazione.