La ginnastica dolce deve il nome agli esercizi fitness da svolgere con movimenti lenti, leggeri, fluidi e controllati. Le sue caratteristiche la rendono adatta alle persone di tutte le età, perché si esegue senza carico o con piccoli attrezzi, perché deve sempre tenere conto delle condizioni fisiche e delle capacità motorie di chi la svolge, perché stimola tutto il corpo, anche i muscoli che vengono utilizzati poco nella quotidianità.

Abbiamo chiesto ai master fitness trainer Marco Giannuzzi e Tania Simonetti, della palestra romana H2o Concept, di spiegare con un video tutorial alle lettrici e ai lettori di DireDonna 3 esercizi semplici di ginnastica dolce. Si possono svolgere anche a casa e, insieme a una dieta corretta e a uno stile di vita salutare, consentono di restare in forma, tonici e attivi senza uno sforzo eccessivo a sovraccaricare il fisico.

Come eseguire 3 esercizi semplici di ginnastica dolce

Gli esercizi di ginnastica dolce spiegati nel video tutorial sono a corpo libero, e quindi possono essere eseguiti anche a casa, preceduti dal giusto riscaldamento e seguiti dal necessario stretching.

Siete ora pronti per i vostri esercizi di ginnastica dolce.

  • 1°Esercizio. Mettetevi in piedi, in posizione eretta con i piedi in posizione naturale, i talloni alla larghezza delle spalle e le punte dei piedi in leggera divergenza, con la schiena dritta e le mani davanti le spalle. Piegate leggermente le gambe e soffiando estendete in alto le braccia e tornate dritti con le gambe. Ricordate di mantenere i talloni ben appoggiati a terra e il bacino verso dietro, e di mantenere qualche secondo l’estensione verso l’alto per fare in modo di memorizzare bene la posizione. Di questo esercizio eseguite 3 serie da 15 ripetizione: tra una ripetizione e l’altra fermatevi e poi riprendente.
  • 2°Esercizio. Prevede l’apertura sul piano frontale degli arti superiori e inferiori contemporaneamente. In piedi, piegate le braccia in avanti orizzontalmente all’altezza delle spalle ed eseguite delle aperture aprendo le braccia e divaricando le gambe. Prima divaricate le gambe verso destra prendendo aria, poi soffiando tornate al centro e infine eseguite l’apertura verso sinistra prendendo aria, sempre chiudendo le braccia quando tornate al centro e aprendole quando divaricate le gambe. In questo esercizio è importante mantenere sempre la stessa velocità, il busto bene in estensione con la schiena dritta, il peso del corpo sopra i talloni e l’ombelico tirato bene dentro. Di questo esercizio eseguite 3 serie da 10 ripetizioni verso destra e 10 verso sinistra, in modo alternato, per un totale di 20 ripetizioni: tra una ripetizione e l’altra fermatevi e poi riprendente.
  • 3°Esercizio. Si tratta del leg work. In piedi, mettete le mani sui fianchi, i piedi in appoggio a terra alla larghezza del bacino, allungate una gamba verso dietro e rimanete in equilibrio, senza poggiarla a terra, poi portate il ginocchio stesso in avanti all’altezza dell’ombelico e fate una circonduzione verso l’esterno. Poggiate infine la gamba e fate la stessa cosa con l’altra gamba. Muovetevi sempre lentamente e piantate bene il piede bene a terra, mantenere l’ombelico tirato dentro, spalle larghe e il busto che spinge verso l’alto. Di questo esercizio eseguite 3 serie da 10 ripetizioni verso destra e 10 verso sinistra, in modo alternato, per un totale di 20 ripetizioni: tra una ripetizione e l’altra fermatevi e poi riprendente.