Re Giorgio abbandona il rosa e i toni pastello visti sulla passerella del suo marchio Emporio Armani e, per la collezione Giorgio Armani prêt-à-porter, propone una linea che più classica non si può, per una Primavera 2016 all’insegna dello stile navy, con l’abbinamento estivo per eccellenza che vede il rosso accanto al blu Armani.

Galleria di immagini: Giorgio Armani, la sfilata per la Primavera 2016

In prima fila, ad ammirare la collezione, l’amica di una vita, la diva premio Oscar Sophia Loren, che ha commentato con ironia: “Armani e io siamo una bella coppia di amici con qualche talento. Lui e io abbiamo avuto carriere molto diverse, ma siamo legati dal talento, dall’amicizia e dal rispetto reciproco. Giorgio ha sempre amato la mia carriera”, ha concluso l’attrice che indossava un tailleur pantalone proprio di Armani.

E sulla passerella? Ha sfilato una donna rilassata, che non vuole camminare arrancando su tacchi altissimi, strizzata in abiti troppo “glamour”: questa donna detta nuove regole, e non si tratta di minimalismo ma di un abbandono dell’artificiosità in favore di un’artigianalità al tempo stesso sobria e costosa.

Cappotti e giacche riccamente ricamati sovrastano pantaloni di seta e in organza dal taglio largo portati con tanta nonchalance da sembrare fatti apposta per il jogging. E ancora short, bermuda, gonne fluide, tutto in rosso, bianco e blu, palette che sembra perfetta per una crociera frizzante. Tra gli accessori, ad aggiungere valore al look, flat form color block e Mary Jane, stampe rosse e bianche geometriche e borse lucide.

Del resto, la collezione è perfettamente coerente con quello che Giorgio Armani ha fatto per primo nel mondo della moda e che continua a fare da 40 anni, cioè dalla fondazione della Maison: regala un po’ di “sportività” al lusso più estremo.