La collezione Giorgio Armani Privé presentata dallo stilista alla Parigi durante la settimana dell’Haute Couture, per l’Autunno Inverno 2016/17, porta in passerella una donna classica, che punta sul tailleur di giorno e su lunghi abiti in velluto nero per la sera, ma che sa esattamente dove “piazzare” il dettaglio giusto per rendere il look estremamente sensuale.

Gonne ma soprattutto pantaloni (dal taglio dritto o ampi, in velluto, stretti alla caviglia) si combinano con giacche e cappotti con spalle rotonde o quadrate, che regalano un che di orientale. La stampa, tra pied de poule, pois e motivi geometrici, riveste modernissime mantelle, cappotti e giacche dimostrando – ancora una volta – che la moda è una questione di equilibrio: le giacche più castigate sono combinate con gonne dal profondo spacco fino a metà coscia, mentre i pezzi più audaci come i top in tulle trasparente e le giacche super scollate sono abbinati a gonne lunghe o pantaloni larghi.

Galleria di immagini: Giorgio Armani Privé Autunno Inverno 2017, le foto

Una classica regola di stile, quella che richiede di portare solo un capo ardito per look e di coprire il resto, che non andrebbe mai dimenticata. Del resto, l’elemento di seduzione principale in questi pezzi haute couture in sfilata non è il décolleté o la gamba, bensì la spalla, silenziosa e ammiccante presenza che fa capolino da bustier, scollature americane e abiti asimmetrici.

La palette, neanche a dirlo, è sobria, delicata, si vedono per lo più il classico abbinamento bianco e nero con sprazzi di celeste chiaro e avorio o beige, a sottolineare come l’eleganza debba essere a tutti i costi protagonista dei look.

Molti poi i dettagli che richiamano la moda dei primi anni Novanta, periodo di grande splendore di Re Giorgio, dal velluto stesso ai grandi fiocchi sulla spalla passando per le maniche a sbuffo.

Tanta eleganza in passerella, infine, richiede altrettanto stile nel front row: tra tutti gli ospiti al Theatre de Chaillot spicca la splendida Cate Blachett, che si è seduta in prima fila con Roberta Armani, il Ministro della Cultura francese Audrey Azoulay e l’attrice Isabelle Huppert.