Il Palais de Chaillot ha accolto nelle sue sale la sfilata di Giorgio Armani Privé Haute Couture Primavera-Estate 2018. Dopo Dior, Valli e Chanel, è la volta di Re Giorgio e della sua indiscussa – e indiscutibile – eleganza.

La natura mutevole del cielo si riflette in una collezione in cui ogni singolo dettaglio ricorda la sua ariosità“, ha dichiarato lo stilista. E che opulenza, sotto questa volta celeste: il grande designer milanese si conferma, ancora una volta il grande maestro di stile che è e che è sempre stato.

L’idea portante della collezione? La scelta di tessuti straordinari, a cominciare da sete dipinte a mano e utilizzate in una sfilata composta principalmente da abiti da sera. Super chic la sua donna, sia che indossi uno dei tailleur pantaloni così classici e così poco convezionali, dove la seriosità del grigio si scontra e si esalta con pantaloni di raso ora blu, ora lilla chiaro.

Photo by Pascal Le Segretain/Getty Images

E che dire delle sue giacche di coccodrillo colorato, corte e avvitate, femminili come non mai, fedeli compagne di viaggio di una principessa moderna alle prese con la quotidianità?

Photo by Pascal Le Segretain/Getty Images

La donna-nuvola del Privé sfoggia splendidi i disegni di cirri e numbi fatti dallo stesso Armani e stampati su immense gonne da sera per 50 metri di organza, i tacchi spesso alti per evidenziare ancora di più la nudità delle gambe, le borse fuoriserie e lussuose.

Photo by Pascal Le Segretain/Getty Images

Le lunghezze degli abiti si accorciano visibilmente, lasciando le gambe scoperte, avvolgendo il corpo in una nuvola di giochi di paillettes, vero tripudio di artigianalità.

Photo by Pascal Le Segretain/Getty Images

La seta regna incontrastata, ad accompagnare la silhouette in modo impalpabile, ma sottolineando, allo stesso tempo, le forme. È una femminilità forte e decisa quella messa in scena stavolta da Armani, capace di attraversare con disinvoltura il tempo e lo spazio.

Photo by Pascal Le Segretain/Getty Images

Gli abiti bustier sono molto fluidi proprio come i minidress da cocktail, costruiti in un unico grande nodo. I colori sono tutti coordinati, dagli orecchini alle décolleté fino al make up, esaltati da tonalità sfumate, soprattutto blu e rosa.

Photo by Pascal Le Segretain/Getty Images

Capelli raccolti e spalle scoperte, è il collo femminile uno dei grandi protagonisti della sfilata Giorgio Armani Privé Haute Couture Primavera-Estate 2018, sensuale e delicata insieme: una sorta di lieve omaggio alle donne, bellissime, amate da Modigliani.

Photo by Pascal Le Segretain/Getty Images

Di sfilata in sfilata, da una collezione all’altra, Giorgio Armani da più di 40 anni continua a vestire – e a raccontare – la sua donna, brillante prima ancora che raffinata, mai stravagante e mai banale.

Photo by Pascal Le Segretain/Getty Images

Galleria di immagini: Giorgio Armani Privé Haute Couture Primavera-Estate 2018, le foto