È di nuovo il Théatre National de Chaillot la location scelta per la collezione Haute Couture Giorgio Armani Privé primavera estate 2017 durante la Paris Fashion Week.

Per i suoi 47 look, tutti legati tra loro da un sottile fil rouge che dall’Occidente porta all’Oriente, passando per il mondo arabo, Re Giorgio scegli un’haute couture all’insegna dell’arancione: “Un colore energico e vitaminico, simbolo di positività“, come ha sottolineato. È proprio vero, quindi, che “Orange is the new black“, come recita una celebre serie tv.

La collezione si apre con una serie di tailleur pantalone, la più classica delle proposte Armani, qui reinterpretata da blazer a un bottone e pantaloni dritti a vita alta: oggi come trent’anni fa le donne in tailleur pantaloni di Armani camminano con scarpe basse, hanno clutch e giornale sotto il braccio, rimanendo reali e padrone di se stesse anche quando indossano sfavillanti abiti da red carpet.

Inizia quindi l’infinita varietà di sfumature di arancione, dal più pallido color zafferano dall’arancia più brillante fino a una tinta quasi dorata. I tagli e le morbidezze arabeggianti lasciano spazio a linee più nipponiche, quasi una moderna rivisitazione del kimono tanto amato da Armani, e a dettagli scintillanti presi dalle cineserie fino a coprispalle a balze, ricamate preziosamente, vagamente ispirate alle mantelle dei toreri.

Tra gli accessori, spiccano le splendide borse da portare a mano, i grossi bangle d’ispirazione afro e gli orecchini oversize.

Gli abiti da sera sono strutturati, si gonfiano come soffici statue fatte di sete ricamate, delicate trasparenze, discrete piume e accenni di paillettes, monospalla accompagnati da grosse cinture portate con disinvoltura. È un lusso effortless chic, dove nulla è gridato, ma le forme e i colori si incontrano e si esaltano in un tripudio di eleganza.

Galleria di immagini: Giorgio Armani Privé primavera estate 2017, foto

E chissà che qualcuna di queste creazioni non andrà ad arricchire il guardaroba di Melania Trump, visto che lo stilista è stato uno dei pochi che si è dichiarato disponibile nei confronti della nuova Fisrt Lady. “Di mestiere cerco di vestire le belle donne e Melania lo è, se mi chiedesse un vestito perché no?“, ha dichiarato qualche settimana fa.

Make up rigorosamente di Linda Cantello per Armani Beauty, con una palette dedicata all’Orange Vibrations, con uno smokey eyes sui toni dell’arancione, un filo di eye liner nero e labbra chiare; immancabile l’incarnato perfetto, con la pelle effetto glow, che ha fatto la fortuna della linea make up della maison.

Nel front row, la onnipresente Olga Kurylenko, le elegantissime (e bellissime) Nicole Kidman e Isabelle Huppert (entrambe candidate agli Oscar 2017), Miroslava Duma, Lola Le Lann, Cosima Auermann.