Giorgio Panariello torna stasera in TV affiancato da Nina Zilli. Il comico toscano di nuovo in prima serata con uno show dal titolo quanto meno singolare, “Panariello non esiste”, direttamente tratto dal fortunato spettacolo teatrale del comico toscano. Quattro le serate previste, che segnano il ritorno sul piccolo schermo dopo l’esperienza sanremese del 2006.

Giorgio Panariello non ha negato, durante la conferenza stampa di presentazione dello show, che proprio i deludenti ascolti del Festival possano aver giocato un ruolo chiave nella sua lunga assenza dagli schermi TV. Ora il nuovo spettacolo al fianco di Nina Zilli, non contraddistinto dalla satira politica (come specifica lo stesso comico), ma all’insegna di un’ironia fatta di cose semplici della vita quotidiana.

Galleria di immagini: Giorgio Panariello e Nina Zilli

Colonna portante sarà la musica. Al fianco di Panariello ci sarà la cantante Nina Zilli, che sarà non solo esecutrice non soltanto di alcuni interventi musicali, ma anche vera e propria spalla comica. Oltre a quella degli ospiti canori (per il debutto di stasera sul palco arriverà Tiziano Ferro) certa la presenza nell’orchestra, diretta da Franco Micalizzi, di un trombettista jazz di fama internazionale come Fabrizio Bosso.

Inevitabile poi per Panariello il confronto con Fiorello, che del lunedì sera ha fatto una vera e propria serata di grande intrattenimento e spettacolo. Il comico toscano liquida però velocemente il confronto, pur riconoscendo a “Fiore” i meriti di aver aperto le porte al varietà nel primo giorno della settimana:

«A Cesare quel che è di Cesare. Fiorello ha sperimentato, con successo, lo show del lunedì sera in TV».

Giorgio Panariello respinge poi ogni ipotetica sfida tra i due programmi, affermando come per lui contino solamente i riferimenti dati dagli avversari diretti, ovvero le programmazioni delle altre emittenti per la serata:

«Sono tranquillo. Contano il gradimento e quello che va in onda nelle altre reti. Per quanto mi riguarda in passato ho sempre avuto una controprogrammazione di rilievo. Non mi è mai piaciuto fare una partita con il Chievo, ma ho sempre preferito confrontarmi con squadre come il Milan e la Juve».

Un’ultima nota la riserva in ricordo di {#Lucio Dalla}, al quale ha deciso di dedicare lo show di questa sera:

«Purtroppo la grandezza di un uomo, di un grande artista, si capisce quando non c’é più. Per questo dedicheremo lo spettacolo a lui».

Fonte: ANSA