Il 15 ottobre di ogni anno di celebra la Giornata mondiale della donna rurale: si tratta dell’occasione per ricordare quanto sia importante e fondamentale il contributo della figura femminile nella produzione alimentare agricola e per fare luce sulle condizioni spesso disagiate e difficoltose in cui si trovano spesso a dover compiere la loro attività.

In Paesi con l’Italia, questo giorno diventa il momento per chiedere di porre maggiore attenzione al ruolo svolto da agricoltrici e piccole imprenditrici e per ottenere riconoscimento e sostegno in ogni ambito in cui si sviluppa la loro attività. Proprio a questo proposito, sono tante le iniziative che si terranno su tutto il territorio nazionale (si va dai convegni ai dibattiti alla consegna di riconoscimenti…).

Si stima che a livello mondiale le donne rurali siano circa un quarto della popolazione: questo numero fa capire quanto importante sia il ruolo che esse svolgono per il sostentamento della propria famiglia ma anche per assicurare la produzione mondiale di tantissimi prodotti che poi in larga parte viene anche esportata all’estero.

Gran parte delle donne rurali abita nel Terzo Mondo: le loro condizioni di vita si riducono spesso ad un ruolo marginale, privo di considerazione, non apprezzato e non remunerato in modo adeguato. Nella maggior parte dei casi tutto ciò è accompagnato da analfabetismo e povertà estreme.

photo credit: CIMMYT via photopin cc