La Giornata Mondiale per l’Ambiente, che si celebra ogni anno il 5 giugno, è uno dei principali strumenti attraverso cui le Nazioni Unite cercano di avvicinare l’opinione pubblica alle problematiche ambientali a livello mondiale e attirare l’attenzione del mondo politico.

La salvaguardia del Pianeta, attraverso l’informazione e la sensibilizzazione dei cittadini è uno degli obiettivi che l’iniziativa si prefigge.

Così, anche quest’anno l’evento sarà celebrato il prossimo 5 giugno e vedrà fra le iniziative più importanti la costruzione, sponsorizzata da “Corona Extra“, di un hotel fatto interamente di rifiuti.

La struttura di due piani, progettata dall’artista ed ecologista tedesco HA Schult, sarà in grado di ospitare contemporaneamente fino a dieci persone e verrà posizionato di fianco a Castel Sant’Angelo a Roma.

L’hotel, che sarà aperto al pubblico dal 3 al 6 giugno, si chiama “Corona Save the Beach Hotel” e sarà costituito principalmente dai rifiuti raccolti ripulendo alcune spiagge europee particolarmente degradate. Come lo stesso Schult ha dichiarato:

L’importanza di questo progetto è racchiusa in ciò che l’hotel simboleggia: i danni che produciamo ai nostri mari e alle nostre coste; internamente ed esternamente l’hotel non avrà un “look” particolarmente glamour, non avrà né acqua né elettricità, e nessun comfort; questo hotel rispecchierà esattamente quello che potrà succedere se non prestiamo attenzione al nostro pianeta.

L’iniziativa, dunque, vuole essere un avvertimento e un rimprovero mondiale nei confronti di tutti quelli che non hanno ancora imparato a vivere rispettando l’ambiente che li circonda.

L’artista tedesco, infatti, che sta ultimando la costruzione dell’hotel nel proprio studio di Colonia, continua dicendo:

Viviamo in un epoca di enorme produzione di rifiuti, produciamo tonnellate di spazzatura e questo è ciò in cui rischiamo di trasformarci. È veramente questo quel che vogliamo per la nostra Terra?

Inoltre, il messaggio di sensibilizzazione e rispetto per l’ambiente rivolto a tutti i cittadini del mondo sarà reso più incisivo e determinato dalla presenza della splendida ex top model danese Helena Christensen.

Da anni impegnata in prima persona in iniziative di matrice sociale, la modella sarà la prima ospite che trascorrerà una notte nell’hotel romano fatto di rifiuti.

La curiosa iniziativa, però, non finisce qui. A partire dal 4 giugno, infatti, tutti potranno segnalare sul sito del “Corona Save The Beach” le spiagge più degradate.

Così, alla fine dell’estate sarà possibile sceglierne una, per la quale avviare attività di volontariato per il suo recupero e la sua riqualificazione.