Due anni fa, nel 2014, l’assemblea generale dell’Onu ha proclamato il 21 giugno Giornata internazionale dello yoga, in seguito a una richiesta del primo ministro indiano Narendra Modi, molto impegnato nella difesa delle pratiche tradizionali indiane e in particolare dello yoga, tanto da aver nominato un apposito ministro per aumentarne la diffusione in India.

La scelta della data non è stata casuale, visto che il 21 giugno è chiamato Dakshinayana, cioè il passaggio alla seconda parte dell’anno: secondo lo yoga e l’Induismo è il giorno che segna l’inizio di un periodo particolarmente favorevole per approfondire le proprie pratiche, per iniziare se ancora non lo hai fatto, per purificare il proprio corpo e anche per cambiare qualcosa nella propria vita per migliorarla. Inoltre,coincide con il solstizio d’estate, il giorno più lungo dell’anno. La Giornata internazionale dello yoga coinvolge 170 paesi del mondo.

Ecco 10 cose da sapere sullo yoga.

  1. Esistono numerosi stili di yoga con caratteristiche molto diverse, alcuni molto dinamici e focalizzati sul corpo, altri più terapeutici e altri ancora con un lato spirituale più spiccato. I più diffusi in occidente sono l’Anusara Yoga, l’Ashtanga Yoga, il Bikram Yoga, l’Hatha Yoga, l’Iyengar Yoga, il Vinyasa Flow Yoga, il Kundalini Yoga, il Raja Yoga, il Power Yoga, il Sivananda Yoga e l’Ananda Yoga.
  2. La filosofia del Kundalini Yoga si è tramandata per via orale attraverso i secoli; i suoi promotori dicono che la sua fondazione risale a oltre 20.000 anni fa (non esistono, però, testi antichi dedicati a questa disciplina). Il Kundalini mira alla piena realizzazione spirituale dell’uomo e lo fa usando come veicolo il lavoro mirato sull’energia nel suo aspetto femminile, appunto la Kundalini-Shakti.
  3. A causa del crescente numero di nuovi stili e scuole nati da quando lo yoga è penetrano in occidente, il governo indiano 5 anni fa ha istituito un ente governativo per “brevettare” lo yoga. Questo ente ha il compito di registrare ogni singola posizione yoga di ogni stile o scuola, al fine di dimostrare che la disciplina è un’invenzione tutta e soltanto indiana.
  4. Lo yoga può essere praticato a tutte le età. Alcune posizioni possono avere delle controindicazioni, ma i suoi comprovati benefici superano certamente ogni dubbio o perplessità.
  5. Negli esercizi yogici, c’è uno sviluppo armonioso di tutti i muscoli del corpo, degli organi interni, nervi e ossa. Non ci sono movimenti rapidi e, quindi, non c’è spreco di energia. Cuore, polmoni e cervello, con il sistema cerebro-spinale, sono mantenuti in una condizione di salute dalla pratica regolare di poche importanti Asana e da uno o due esercizi respiratori.
  6. La pratica regolare porta buona salute, longevità, forza, energia e vitalità. Praticando le Asana regolarmente, con cura e attenzione, la personalità intera diventa piacevole e attraente.
  7. Lo yoga consente di migliorare il rapporto con il proprio corpo, ottenendo maggiore forza e flessibilità ed imparando ad accettare i propri limiti ed allo stesso tempo ad amarsi di più. Da uno studio condotto ad Harvard è emerso come il 75% delle donne dedite alla pratica dello yoga sperimentassero orgasmi più piacevoli. Per quanto riguarda gli uomini, uno studio effettuato nel 2007 ha dimostrato come lo yoga possa a in alcuni casi essere efficace nel contrastare l’eiaculazione precoce.
  8. L’antica disciplina indiana sta vivendo un vero e proprio boom: quest’anno solo negli Usa saranno 80 milioni quelli che lo proveranno per la prima volta. Una ricerca condotta da Yoga Alliance rivela che sono 36.7 milioni gli americani che regolarmente scelgono di allenarsi sul tappetino (nel 2012 erano 20,4 milioni). In Italia non ci sono dati ufficiali recenti ma si sfiorano ormai i 2 milioni (nel 2011 erano un milione e 100 mila).
  9. Secondo il Financial Times, dopo la crisi del 2008, è diventata la disciplina più praticata nelle città di tutto il mondo, capace di coinvolgere manager stressati e modelle impegnate nel tenersi in forma. L’ultima stima di 4 anni fa valutava il valore del mercato dello yoga, nel mondo, pari a dieci miliardi di dollari. E l’Italia non è da meno con un giro d’affari superiore ai 200 milioni di euro.
  10. Secondo Edenred LAB – laboratorio su innovazione, gusto e benessere – l’ultima tendenza è quella di praticare in pausa pranzo, anche solo per 45 minuti, tornando al lavoro leggeri e ricaricati.