Domenica 28 maggio si celebra la XVI Giornata Nazionale del Sollievo, istituita il 24 maggio 2001 con una direttiva del presidente del Consiglio dei ministri su proposta del professor Umberto Veronesi, ministro pro tempore della Sanità. È stata la Fondazione Nazionale Gigi Ghirotti a suggerire l’idea di “promuovere la cultura del sollievo dalla sofferenza fisica e morale in favore di tutti coloro che stanno ultimando il loro percorso vitale”.

Intitolata a Gigi Ghirotti, giornalista de “La Stampa” che al culmine della sua carriera si ammalò di linfoma di Hodgkin, un tumore ancora inguaribile negli anni Settanta, la Fondazione è nata  il 5 maggio 1975 con lo scopo di mantenere vivi la sua vicenda umana e  favorire il miglioramento della qualità della vita della persona malata di tumore e dei suoi familiari.

Ghirotti, infatti, “da inviato, suo malgrado, dentro il tunnel della malattia e della ospedalizzazione”,  come lui stesso si definì – comunicò la sua esperienza in una serie di undici memorabili corrispondenze e in due intense inchieste televisive andate in onda sulla Rai nel 1973 e 1974, anno della sua scomparsa, sotto la testata “Orizzonti. L’uomo, la scienza, la tecnica”, di Giulio Macchi.

Per proseguire sulla strada tracciata da Gigi Ghirotti, la Fondazione da 42 anni è a fianco della persona malata di cancro e dei suoi familiari, offrendo orientamento, aiuto e supporto psicologico. Attualmente concretizza il suo impegno sociale, tra l’altro, attraverso un Centro di ascolto psico-oncologico telefonico nazionale con sede a Roma; un’assistenza psicologica ospedaliera e la formazione di volontari che operano in hospice.

In quest’ottica è stata organizzata la Giornata Nazionale del Sollievo, un sollievo che può essere raggiunto grazie a nuovi e sempre più efficaci farmaci e terapie, ma anche attraverso una cura umana fatta di attenzione, tenerezza, vicinanza, sostegno e amore.

Galleria di immagini: Giornata Nazionale del Sollievo, le foto

Giornata Nazionale del Sollievo: eventi

  • Domenica 28 maggio sono previste diverse manifestazioni su tutto il territorio nazionale, dagli incontri pubblici di sensibilizzazione e informazione all’affissione di locandine nelle farmacie (per iniziativa di Federfarma); dalle visite gratuite in ambulatori di terapia del dolore all’allestimento di stand di associazioni di volontariato nelle piazze, convegni e corsi di formazione per operatori sanitari; ci saranno spettacoli in ospedali, animati gratuitamente da personaggi dello spettacolo, ma anche da operatori sanitari che suonano o cantano; saranno poi attribuiti riconoscimenti a strutture sanitarie distintesi nella umanizzazione delle cure (come il Premio “Gerbera d’oro” promosso dalla Fondazione Gigi Ghirotti e dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, o l’offerta di una rosa alle persone ricoverate, come domenica prossima accadrà al policlinico universitario Agostino Gemelli, per iniziativa dei giovani floricultori di Confagricoltura).
  • Al Policlinico universitario Agostino Gemelli di Roma si svolgerà l’evento più rappresentativo a livello nazionale, condotto dalla giornalista Paola Saluzzi al quale interverranno, fra gli altri, Fabrizio Frizzi, il Prof. Vincenzo Valentini e il Presidente della Fondazione Ghirotti, Emilio Carelli.
  • Durante la giornata si tenterà di informare e rendere il più possibile edotta la cittadinanza riguardo alla legge 38/201 sulle cure palliative.

Giornata Nazionale del Sollievo: legge sulle cure palliative

La legge 38/201 sulle cure palliative, che per la prima volta garantisce l’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore da parte del malato, approvata all’unanimità ormai sette anni fa dal Parlamento e considerata tutt’oggi un modello di eccellenza dalla Commissione Europea.

Compito primario della legge 38/2010 è quello di costruire l’eguaglianza nella dignità del fine vita, con l’aiuto dei medici, degli infermieri, dei farmacisti, degli psicologi e del volontariato. Grazie a questa legge, infatti, cure e terapie antidolore diventano un diritto esigibile da garantire in modo uniforme su tutto il territorio nazionale attraverso apposite reti che integrano gli hospice e i reparti ospedalieri con le strutture territoriali e quelle domiciliari, puntando soprattutto sull’assistenza domiciliare.

Per da voce a chi soffre è stato istituito dalla Fondazione Ghirotti un Osservatorio volontario di monitoraggio delle cure palliative e della terapia del dolore, coordinato dall’ex ministro Livia Turco, che ha rilevato come ancora oggi la legge sulle cure palliative non è conosciuta dal 63% dei cittadini intervistati.

Le persone che hanno avuto modo di essere prese in carico dai centri di terapia del dolore e dagli hospice ne sottolineano la dote di qualità umana e professionale: i pazienti sono soddisfatti di come sono stati curati e sono pronti a consigliare questa esperienza a chiunque debba averne bisogno.

Colpisce, invece, constatare che troppe persone e famiglie vivono nella solitudine della ‘inguaribilità’. La lotta al dolore deve continuare ad essere una priorità nell’agenda politica di chi, a ogni livello, governa il nostro Paese. Occorre cioè impegnarsi affinché nessuno resti solo di fronte alla malattia”, ha dichiarato l’ex ministro Livia Turco, coordinatrice dell’Osservatorio volontario.

Giornata Nazionale del Sollievo: Rete delle Città del Sollievo

  • La Rete delle Città del Sollievo è costituita da venti comuni che hanno deciso di collaborare attraverso questa buona pratica promossa dalla Fondazione Nazionale Gigi Ghirotti, con il patrocinio dell’Associazione Nazionale Comuni d’Italia.
  • È fondata sull’impegno partecipativo, informativo e formativo delle municipalità nella promozione della cultura del sollievo, , nonché sul requisito di avere sul proprio territorio realtà socio-sanitarie dedite alla ricerca, al ricovero, alla cura, all’accoglienza della persona sofferente, distintesi nella realizzazione di progetti di umanizzazione delle cure e affrancamento dal dolore inutile e che rappresentano punti di riferimento tangibili nel “prendersi cura” della persona in tutti i suoi bisogni.
  • I comuni che ne fanno parte sono Morozzo (Cn); Mantova; Borgo Valsugana (Tn); Aviano (Pn), Lugo (Ra); Certaldo (Fi); Ripatransone (Ap); Macerata; Assisi (Pg); Rieti; Bucchianico (Ch); Scanno (Aq); Larino (Cb); Conca dei Marini (Sa); Venosa (Pz); Rionero in Vulture (Pz); San Giovanni Rotondo (Fg); Bitonto (Ba); Cassano all’Ionio (Cs); Nuoro.