La prima è stata Alice, che aveva festeggiato il suo non compleanno insieme al Cappellaio Matto. Da allora abbiamo un pretesto per festeggiare in qualunque giorno, permettendo soprattutto a chi ha la memoria corta di salvarsi in corner quando non ricorda date importanti, soprattutto per la persona che ha accanto.

Se è vero che non c’è bisogno di un giorno cerchiato in rosso sul calendario per festeggiare qualcosa a cui teniamo, è altrettanto vero che qualche idea originale può aiutare a stupire chi amiamo. Basta pensare a un giorniversario: una bella sorpresa per partire col fidanzato, una torta per ricordare il giorno in cui il nostro nipotino è diventato parte della famiglia, un appuntamento a base di shopping con l’amica del cuore per ricordare la sua promozione tanto sudata.

Iniziamo col numero 100. Sapete dopo quanto tempo si compiono 100 giorni? Dopo circa 3 mesi e 1 settimana. Ma per non impazzire tra mesi di 30 o 31 giorni e anni bisestili, potete facilmente calcolarlo inserendo la data di partenza in questo tool online.

E se è così facile, si può passare a 1.000. Mille giorni si compiono dopo circa 2 anni e 9 mesi. Il procedimento e lo stesso. E la fantasia per gli auguri può scatenarsi: mille giorni di te e di me (amore), le mille e una notte (per un bebè che ci ha fatto dormire poco), mille lire al mese (per una promozione), mille bolle blu (per una vacanza). E ancora mille garibaldini, mille papaveri rossi, cinque per mille…

Veniamo a 11.000. A trent’anni di matrimonio si festeggiano le nozze di perla, ma dopo quasi 2 mesi si può brindare agli 11.000 giorni insieme. E lo stesso si può fare per un amico che ha appena compiuto 30 anni, ma che non avete incontrato nel giorno esatto del suo compleanno.

I pretesti per fare festa sono ovunque. Non resta che fare due calcoli e divertirsi. Se vi viene in mente qualche data originale per un giorniversario speciale, condividetelo nei commenti.