Clare Waight Keller è la prima donna ad assumere il timone da Givenchy: dopo la fine del contratto di Riccardo Tisci, lungo 12 anni, la maison francese, fondata da Hubert de Givenchy nel 1952, ha trovato nella designer britannica il suo nuovo direttore artistico, responsabile delle linee donna e uomo, sia accessori che moda. La Waight Keller ha lasciato qualche mese fa il suo posto da Chloé a Natacha Ramsey-Levi, che era stata direttore creativo del prêt-à-porter di Louis Vuitton, un marchio di proprietà della LVMH come Givenchy.

Sono molto felice di avere Clare Waight Keller nel gruppo. Credo che la sua esperienza e la estetica permetteranno a Givenchy di entrare in una nuova fase del suo cammino“, ha dichiarato Bernard Arnault, presidente di LVMH.

Clare porterà il suo singolare senso di eleganza e modernità da Givenchy. Sono certo che, esplorando il patrimonio di 65 anni della nostra maison e l’eccezionale savoir-faire dei suoi atelier, Clare aiuterà Givenchy raggiungere il suo pieno potenziale“, ha commentato Philippe Fortunato, amministratore delegato di Givenchy.

La Waight Keller ha iniziato la sua carriera lavorando da Calvin Klein a New York e con Tom Ford da Gucci; è stata poi incaricata dell’abbigliamento maschile a Pringle, ma non ha mai lavorato con un atelier di alta moda prima. Certo è che la sua nomina alla guida di una delle griffe di punta di LVMH conferma come il gruppo sia sempre più indirizzato a prediligere i talenti delle donne designer, cambiando così un modello in cui la maggior parte delle maison di grandi dimensioni era gestita da uomini; non per niente a giugno dello scorso anno da Dior è arrivata Maria Grazia Chiuri come direttore artistico.

Lo stile sicuro di Hubert de Givenchy mi ha sempre ispirato e sono molto grata per l’opportunità di entrare a far parte della storia di questa Maison leggendaria. Non vedo l’ora di lavorare insieme ai team per scrivere un nuovo capitolo di questa bellissima storia“, ha detto la Waight Keller intervistata in merito alla sua entrata nella casa di moda la cui storia è legata a doppio filo a quella di Audrey Hepburn.

Arrivata da Chloé nel 2011, scelta dal presidente Geoffroy de La Bourdonnaye in persona, la designer ha prestato sempre grande attenzione a ripercorrere le orme di chi prima di lei aveva guidato la maison, da Karl Lagerfeld a Stella McCartney, dandole un forte slancio e uno sviluppo a livello globale. Il suo stile? Molto femminile e leggero, decisamente lontano dal gotico graffiante di Tisci.

La Waight Keller inizierà ufficialmente lavorare a maggio e il suo primo fashion show per Givenchy avrà luogo durante la Paris Fashion Week nel mese di ottobre. Intanto, il fashion system si continua a domandare se il rumor che vuole Riccardo Tisci diretto da Versace si concretizzi davvero. Per ora, non ci sono novità in merito.