Gnomeo e Giulietta” è il nuovo film d’animazione della Disney in 3D diretto da Kelly Asbury (” Shrek 2″). Liberamente ispirato alla famosa tragedia di Shakespeare, la storia si ambienta a Stratford Upon Avon, il luogo che ha dato i natali allo stesso William Shakespeare. A Verona Road, ci sono due vicini che si odiano: il signor Capulet e la signora Montague. I rispettivi giardini sono cornici d’arte pieni di fiori colorati, giochi di luce e di acqua e soprattutto di piccoli gnomi, che quando gli umani non sono nei paraggi, si animano e assumono gli stessi comportamenti irosi dei rispettivi proprietari. La faida così si accende tra gli gnomi blu e quelli rossi, tra scherzi e gare all’ultimo sangue con il tosaerba. Un giorno, però, il blu Gnomeo e la rossa Giulietta s’incontrano ed è subito amore. Come nella classica tragedia shakespeariana, la love story tra i due protagonisti è irta di difficoltà e pericoli.

La trama non è sicuramente delle più originali, ma l’eterna storia d’amore di Giulietta e Romeo in versione nano da giardino è sicuramente divertente e brillante. Grazie alle tecniche CGI, che ormai rasentano la perfezione, la grafica è allo stato dell’arte: i piccoli pupazzetti da giardino sono reali e curati nei minimi dettagli, con i loro visi rigati e le punte del naso consumate. Inoltre la pellicola alterna sapientemente gag d’azione a sketch divertenti, citazioni cinematografiche e scene romantiche. 3D risulta superfluo e spesso inutile, se non in qualche rarissima scena.

Galleria di immagini: Gnomeo e Giulietta

Preziose sono sicuramente le musiche, nonostante il film non cada mai nel musical: Elton John regala le sue famosi canzoni come “Crocodile Rock”, “Saturday Night’s Alright for Fighting”, “Don’t Go Breaking My Heart”, “Love Builds A Garden”, “Your Song”, “Rocket Man”, “Tiny Dancer”, “Bennie and The Jets” e “Hello Hello”, cantata in coppia con Lady Gaga e Nelly Furtado.

Nella versione originale, a dare voce ai protagonisti del film sono stati James McAvory ed Emily Blunt, Ozzy Osbourne, Dolly Parton e Maggie Smith. Invece il doppiaggio italiano ha deciso di stravolgere e arricchire la versione originale aggiungendo accenti e cadenze provenienti da tutta Italia. Così gli gnomi Rossi sfoderano dialetti calabresi, napoletani e pugliesi, mentre i Blu sono romagnoli, piemontesi, veneti e lombardi. La decisione di stravolgere fino a tal punto la versione originale è discutibile e rischiosa, anche se i diversi e colorati accenti italiani divertono.

“Gnomeo e Giulietta” è un film d’animazione divertente e romantico, adatto a un pubblico di famiglie con bambini piccoli.