“The King’s Speech“, “The kids are all right” e “The social network” sono tra le pellicole di maggior successo che dominano le nomination della 68esima edizione dei Golden Globe Awards, i prestigiosi riconoscimenti consegnati dalla Hollywood Foreign Press Association al meglio delle produzioni cinematografiche e televisive statunitensi. Le categorie, inoltre, sono state annunciate da tre ospiti d’eccezione: Katie Holmes, Josh Duhamel e Blair Underwood.

Per quanto riguarda la sezione drama la stampa estera hollywoodiana ha nominato l’ultimo film di David Fincher “The Social Network”, incentrato sulla nascita di Facebook, in sei categorie tra le quali “Miglior Film”, “Miglior Sceneggiatura”, “Miglior Regia” e ben due nomination come “Miglior Attore” per i giovani Jesse Eisenberg e Andrew Garfield, futuro Spider-Man.

Tra le attrici, invece, il Globo D’oro potrebbe andare a Natlie Portman per “Black Swan”, nominato anche per la regia di Darren Aronofsky, o a Jennifer Lawrence per il pluripremiato “Winter’s Bone“, mentre tra gli attori in gara i vincitori più accreditati sono Colin Firth per “The King’s Speech” e Mark Walbergh per “The Fighter” di David O. Russell. Infine, “Inception” di Cristopher Nolan ha conquistato quattro nomination: “Miglior Film”, “Miglior Regista”, “Miglior Sceneggiatura” e “Miglior colonna sonora”.

Nelle categorie comedy guida le nomination “The Kids are all right“, presentato all’ultimo festival del cinema di Roma, con protagoniste Annette Bening e Julianne Moore, entrambe nominate come “Miglior Attrice” insieme a Mark Ruffalo. Un po’ a sorpresa “The Tourist” ha conquistato tre candidature: “Miglior Film”, “Miglior Attrice”, Angelina Jolie, e “Miglior Attore”, Johnny Depp. Il film sentimentale “Love and other drugs”, invece, vede entrambi i suoi protagonisti, Jake Gyllenhaal e Anne Hathaway, candidati per la loro interpretazione nel film di Edward Zwick. Candidati come “Miglior Commedia o Musical” pure “Alice in Wonderland“, “Burlesque” e “Red”.

Anche il nostro Paese è in gara come “Miglior Film Straniero” con “Io sono l’amore” di Luca Guadagnino: la pellicola con protagonista Tilda Swinton ha riscosso un successo inaspettato negli stati uniti con più di 5 milioni di dollari al box office. Nella sezione “Miglior lungometraggio d’animazione” la Disney ottiene due nomination con “Toy Story 3” e “Rapunzel”, mentre la Francia è in gara con “The Illusionist“.

Il prestigioso premio alla carriera Cecile B. DeMille, invece, quest’anno andrà a Robert DeNiro. La cerimonia, in onda su NBC il prossimo 16 gennaio, verrà presentata per la seconda volta dal comico inglese Ricky Gervais, “The Office UK”.

Di seguito il video delle nomination e la gallery dei film in gara.