Grammy Awards 2017 vincitori e vinti ma anche la storia dell’allievo che supera il maestro. È proprio il caso di dirlo: Adele, che non ha mai nascosto di essere una super fan di Beyoncé, ieri ha sottratto a Queen Bey tutti i premi nelle categorie dei Grammy Awards 2017, che si sono tenuti ieri 12 febbraio presso lo Staples Center di Los Angeles, in cui erano candidate entrambe – Album of the Years, Song of the Year e Record of the Year.

Tuttavia, la popstar di Single Ladies ha comunque avuto un ruolo di primo piano durante la serata, soprattutto con la sua esibizione scintillante e barocca sul palco dei Grammy, mostrando anche il suo pancione, dopo avere annunciato pochi giorni fa la sua gravidanza gemellare. Due artiste completamente diverse, ma che hanno in comune una voce portentosa e un successo planetario: la competizione era naturale e questa volta, almeno sul piano musicale, è andata meglio alla cantante di Turning Tables. Tuttavia, sarà così anche per il look e le esibizioni?

Ecco come sono andate le cose ieri ai Grammy Awards, confrontando le due indiscusse protagoniste della cerimonia, Adele e Beyoncé.

Grammy Awards 2017, Adele vs Beyoncé: i premi

Beyoncé arrivava da superfavorita ai Grammy 2017, con ben 9 nomination ottenute per il suo ultimo e controverso album Lemonade, uscito nei primi mesi del 2016. Due soli sono stati però i grammofoni portati a casa: quello per il Best Urban Contemporary Album e il Best Music Video per il singolo tratto dall’album, Formation.

Consacrazione invece definitiva per Adele che si porta a casa cinque Grammy su cinque nomination: Migliore Album dell’Anno e Migliore Album Pop per l’album 25 (diventato disco di diamante in meno di un anno dall’uscita) e Migliore Performance pop, Canzone dell’anno e Record dell’anno per il singolo estratto Hello, che ha raggiunto quota due miliardi di visualizzazioni. Adele diventa così la prima artista femminile a vincere i tre premi più importanti (Album, Canzone e Record) per due volte.

Grammy Awards 2017: Adele dedica l’Album of the Year a Beyoncé

Sebbene Adele abbia vinto il Grammy per l’Album dell’anno, la cantante ha voluto dedicare il suo premio alla “rivale” ma amata Beyoncé, sostenendo che fosse lei a dover meritare il premio per Lemonade. “Cinque anni fa, l’ultima volta che sono stata qui, ero incinta e non lo sapevo, e ho ricevuto questo premio [Album dell’anno] poco dopo averlo scoperto, che è stata la più bella benedizione della mia vita e della mia gravidanza, e, nel diventare una madre, ho perso molto di me stessa e ho faticato. E faccio ancora fatica a fare la mamma, è veramente dura”, ha esordito Adele nel suo discorso di accettazione del premio.

“Stasera, vincere questo è come chiudere un cerchio e come se parte di me fosse tornata a me stessa, ma non posso accettare questo premio. Sono molto grata, ma l’artista della mia vita è Beyoncé e quetso album per me, Lemonade, è proprio fantastico, Beyoncé! È così monumentale e ben pensato, così bello e pieno d’anima e abbiamo visto un’altra parte di te che non ci permetti sempre di vedere e noi lo apprezziamo. E tutti gli artisti qui ti adorano. Tu sei la nostra luce e il modo in cui tu fai sentire me e i miei amici, e i miei amici di colore più importanti fa sì che loro possano combattere per i loro diritti. E ti voglio bene, te ne ho sempre avuto e te ne vorrò sempre”, ha concluso una emozionatissima Adele, prima di ringraziare la sua famiglia, mentre Beyoncé piangeva dalla prima fila in cui era seduta.

Grammy Awards 2017, Adele vs Beyoncé: esibizioni

Entrambe le artiste si sono esibite nel corso della serata allo Staples Center di Los Angeles, portando in scena esibizioni diametralmente opposte, anche se Adele, nell’omaggio a George Michael, ha avuto un blocco emozionale che l’ha portata a dover ripetere la performance.

Adele ha infatti inaugurato la cerimonia di premi cantando la sua Hello. Un’esibizione molto emozionante, ma senza fronzoli in quanto la popstar cantava da sola su uno sfondo completamente nero, indossando un abito lungo con corpetto a fantasia romboidale, come fosse un piccolo mosaico colorato, e dalla gonna nera.

La cantante è poi tornata sul palco per omaggiare George Michael, deceduto a fine dicembre 2016, cantando Fastlove. Tuttavia, colta dall’emozione, Adele ha sbagliato la tonalità e quindi si è vista costretta a interrompere l’esibizione, chiedere scusa e iniziare nuovamente. Al secondo tentativo, ha fatto centro: la platea, a fine esibizione, ha salutato Adele e George Michael con una standing ovation.

Beyoncé, nonostante la gravidanza gemellare, non si è certo tirata indietro e non ha rinunciato alla sua performance, stupendo tutti gli spettatori e i cantanti in sala. Vestita come una dea orientale, in un abito completamente dorato e barocco, la popstar si è esibita sulle note di Love drought e Sandcastles, canzoni tratte dal suo ultimo album Lemonade. Tra l’altro, l’esibizione è stata introdotta dalla mamma di Beyoncé.

Grammy Awards 2017, Adele vs Beyoncé: look

Diversi anche i look sfoggiati dalle due super star ai Grammy Awards 2017. Adele ha cambiato tre abiti, tutti vestiti lunghi a maniche lunghe, tendenzialmente monocolore (a parte quello indossato per cantare Hello descritto in precedenza), come nel suo stile. Sul red carpet dei Grammy ha scelto un vestito color oliva, con fantasie geometriche sul corpetto e sulla gonna Givenchy Haute Couture. Molto Rossella O’Hara in Via Col Vento. Tuttavia, bellissimo il trucco nude focalizzato sugli occhi chiari della cantante, adatto a far emergere la bellezza del volto di Adele. Per l’omaggio a George Michael ha invece scelto un semplice abito nero, raccogliendo i capelli in uno chignon alto.

Galleria di immagini: Grammy Awards 2017, foto

Tre anche i look sfoggiati da Beyoncé durante la cerimonia di premi, scegliendo sempre come stilista Peter Dundas, ex direttore creativo di Roberto Cavalli. Anche se la popstar non ha sfilato sul red carpet, ha fatto il suo ingresso sul palco dei Grammy con un abito dorato con trasparenze e ricami orientaleggianti, che mettevano in mostra il pancione e il seno della cantante. L’outfit comprendeva anche tanti bracciali e girocolli dorati e una sorta di corona-aureola dorata con fiori, ricreando l’aspetto vero e proprio di una dea. Bello poi anche l’abito rosso lucente e luccicante con scollo profondo, sempre Peter Dundas, indossato nel corso della serata.