La depressione in gravidanza ha stretti legami con l’ipertensione. Si parla spesso dei disturbi legati alla pressione alta in gestazione, che può portare a patologie come la preeclampsia, ma un nuovo studio mette in luce altre problematiche legate allo stato emotivo della futura mamma.

Le donne ipertese, infatti, in gravidanza potrebbero cadere in depressione più facilmente. Questo malessere è noto anche come “Pre Baby Blues“, e altre ricerche recenti mettono in evidenza come tra le cause possa esserci anche un rapporto non sereno con il partner.

Uno studio pubblicato su “General Health Psychiatry.”, tuttavia, afferma che per le donne ipertese in gravidanza il rischio di andare incontro alla depressione aumenta fino al 65 per cento. In circa sette casi su dieci, inoltre, l’ipertensione si trasforma in preeclampsia, che a sua volta è responsabile spesso di un parto prematuro.

«La depressione durante la gravidanza è associata a depressione post-partum e a problemi di affettività con il bambino, e in generale ha un impatto dannoso sia sulla mamma sia sul neonato. Anche se oggi si tende a sottostimare questo tipo di verifica, nelle donne con pre-esistente ipertensione è essenziale lo screening per la depressione al controllo dei quattro mesi.»

Per arrivare a questa conclusione, esposta dal dottor Wayne Katon, a capo dello studio condotto dai ricercatori del dipartimento di Psichiatria e Scienze Comportamentali dell’Università di Washington, sono state sottoposte ad accurati esami 2.398 donne in gravidanza. A essere presi in considerazione sono stati sia eventuali sintomi depressivi in corso, sia una manifesta ipertensione durante la gestazione e anche precedente al concepimento.

Nel 13 per cento delle gravidanze, infatti, una donna incinta può soffrire di ipertensione anche se non ha mai avuto problematiche nello stesso ambito, e ciò avviene come conseguenza fisiologica della gestazione: la necessità di monitorare la pressione sanguigna di una futura mamma, però nasce dalla consapevolezza che ben il 20 per cento delle morti materne avviene proprio a causa dell’ipertensione.

Nel caso in cui i valore della pressione siano troppo elevati, infatti, l’intervento medico è indispensabile per scongiurare il pericolo gestosi. Per questo motivo è fondamentale che la misurazione sia effettuata durante ogni visita di routine dal ginecologo di fiducia. Il nuovo studio, inoltre, aggiunge altri dati interessanti a riguardo, sottolineando come controlli frequenti possano anche aiutare a evitare una forma depressiva.

Fonte: Sciencedirect