La Green Economy potrebbe aiutare a trovare lavoro in Italia, dando slancio al tempo stesso al Paese e dando occupazione a vasti strati della popolazione.

Proprio da questo settore sembrano arrivare buone notizie in fatto di assunzioni e nuove opportunità per trovare lavoro, come spiega il rapporto Green Italy 2012 curato da Unioncamere e da Fondazione Symbola e realizzato sotto l’egida del Ministero dell’Ambiente e del Ministero dello Sviluppo Economico.

Leggi=> Consigli per chi cerca lavoro per la prima volta

I numeri indicano che le aziende che si occupano di Green Economy e di ambiente stanno creando posti di lavoro al punto che, ormai, da qui arrivano più di un terzo di tutti gli assunti 2012 delle aziende italiane attive nell’industria e dei servizi.

E proprio nell’ambiente investono o investiranno ormai il 25% delle imprese italiane, puntando su prodotti e tecnologie green. I dati di Unioncamere mostrano che a puntare sulla sostenibilità sono un po’ tutti i comparti industriali, a iniziare dalla chimica, dalla farmaceutica e dall’agroalimentare, senza dimenticare il tessile, l’edilizia, i servizi e l’high tech, in buona parte delle regioni italiane, da nord a sud, con in testa la Lombardia.

«Su un totale di 631mila assunzioni complessive programmate, 241 mila sono ascrivibili a imprese che credono nella green economy; delle 358 mila imprese che hanno investito negli ultimi tre anni in tecnologie green, ben il 20% prevede nel 2012 di assumere. Il 37,9% di queste imprese hanno introdotto innovazioni di prodotto o di servizio nel 2011, contro il 18,3% delle imprese meno verdi.»