Gucci, una delle più importanti e rappresentative maison di moda italiane, ha intrapreso la strada della green economy.

Una nuova coscienza nella produzione e nella commercializzazione delle sue creazioni presentata insieme ad un nuovo marchio (in foto).

Si tratta di un percorso che Gucci ha già intrapreso da qualche anno – nel 2004 la maison fiorentina ha avviato volontariamente il processo di certificazione in materia di Responsabilità Sociale d’Impresa (SA 8000) per tutta la sua filiera produttiva – ma che è stato ribadito con più forza grazie a nuove iniziative, come la creazione, oltre che del nuovo marchio, di un nuovo packaging per i prodotti Gucci realizzato solo con carta certificata FSC (Forest Stewardship Council) e riciclabile al 100%, della riduzione del trasporto su strada e la riduzione del consumo di energia per gli store.

In occasione della presentazione del nuovo logo, Patrizio di Marco, presidente e CEO di Gucci, ha detto:

Ad un logo si associa un’identità, un insieme di valori. Abbiamo pensato che fosse giusto, da oggi in poi, identificare il nostro impegno in quest’area con un logo dedicato. Si tratta di valori che fanno parte del DNA di quest’azienda, da sempre, e che con maggior forza portiamo avanti negli ultimi anni con politiche di sostenibilità sociale e ambientale in senso ampio. Gucci è da sempre un marchio leader mondiale nel settore del lusso, sinonimo di esclusività, tradizione e autenticità.