Non smette mai di stupire Guendalina Tavassi, se appena si sopisce l’attenzione dei media sulla sua persona, se ne inventa una per poter tornare sulle pagine dei giornali. Questa volta si parla di fantasmi, proprio così, giura di essere entrata in contatto con lo spirito di una bambina, prigioniera di un castello, sparita e mai più ritrovata. Lo racconta al settimanale “Visto” ma, considerato tutto quello che ha combinato, riesce difficile crederle.

Guendalina Tavassi, infatti, pur di restare sui giornali ha inventato e fatto di tutto, dalle scenate al Grande Fratello, alle diatribe con suo ex compagno e papà di sua figlia, tutte rigorosamente in diretta tv e sui giornali, dal bacio scambiato con il concorrente del Grande Fratello, che ha provocato la rottura con la sua fidanzata, pur di rientrare a Cinecittà, anche se solo per qualche minuto.

Cosa dire della sua partecipazione all’Isola dei famosi? Le grandi litigate con il mago Otelma, sono parte della storia del reality di Rai Due. Ma diciamo anche la verità, Guendalina Tavassi non si nasconde dietro un dito, dice sempre quel che le passa per la testa, a volte esagerando. È anche vero che, se non ci fosse stata lei, i due reality rischiavano la noia, hanno fatto compagnia le sue risate, i suoi scherzi e le sceneggiate ineguagliabili.

Il Tgcom24 ha commentato questa sua ultima uscita con “è riuscita a scomodare gli abitanti dell’oltretomba”. I fatti sono andati così, racconta al settimanale Guendalina Tavassi Il fantasma è una bambina del Medioevo: “Mi sono recata al Castello ed ho avuto i brividi, ho toccato il tavolo delle sedute spiritiche ed ho sentito un’onda di energia. La leggenda racconta che in quel castello sarebbe vissuta nella seconda metà del XIV secolo una bambina chiamata Guendalina Malatesta, detta Azzurrina: “La sera del solstizio d’estate, mentre stava giocando, la palla rotolò e la bambina corse a recuperarla ma scomparve nel nulla”

Il fantasma della bambina compare ogni cinque anni nel Castello di Montebello, la sera del 21 Giugno, l’apparizione è accompagnata da strani suoni, dai pianti alle risate, dai lamenti alle grida.