Halloween si avvicina e porta con sé la voglia di esplorare il mondo dell’oltretomba e dell’occulto. E allora perché non visitare i cimiteri più famosi del mondo? Oltre a essere luoghi di riposo per i defunti, molti campisanti offrono bellezza e arte anche agli occhi dei vivi. Vedere cripte, tombe e lapidi e scoprire i nomi dei personaggi famosi che vi riposano può essere davvero interessante. Ecco perché molti tour operator si sono già organizzati con pacchetti ad hoc per gli amanti del tetro.

Galleria di immagini: Le immagini dei cimiteri più famosi

Uno dei più famosi e visitati cimiteri italiani è il cimitero monumentale di Staglieno, a Genova. Inaugurato nel 1851, è caratterizzato dalla molteplicità degli stili delle sue sculture tombali e dei monumenti commemorativi, che vanno dal Classicismo al Realismo, dal Simbolismo al Liberty e l’Art Deco.

In questo vero e proprio museo all’aria aperta è possibile visitare sculture degli ultimi 150 anni e respirare un’atmosfera davvero suggestiva grazie alla fusione di natura e architettura. La collina che domina il camposanto è popolata da monumenti e cappelle: qui riposano molti eroi del Risorgimento tra i quali Giuseppe Mazzini. Il camposanto è anche famoso per la sua affinità con la new wave, grazie ad artisti come i Joy Division che lo scelsero per le copertine di singoli e album.

A chi preferisce varcare i confini italiani, si consiglia una visita al cimitero Père-Lachaise di Parigi. Situato nel XX arrondissement, è uno dei monumenti più visitati della città. Percorsi tortuosi e stili particolari caratterizzano questo camposanto dove sono seppelliti moltissimi personaggi famosi.

Passeggiando nel dedalo dei vialetti potreste imbattervi nella tomba di Jim Morrison circondata dai fan oppure nell’imponente monumento raffigurante una sfinge nel quale riposa Oscar Wilde e dove i suoi ammiratori lasciano impronte di baci con il rossetto.

Altra meta europea interessante è il romeno Merry Cemetery. Situato a Săpânţa, il Merry Cemetery, ovvero il “cimitero allegro”, si distingue da tutti gli altri campisanti. Le sue tombe, infatti, sono decorate da scene che raccontano la vita di chi vi è sepolto e gli epitaffi sono stravaganti e ironici. “Lascia un po’ di vino”, questa la richiesta postuma lasciata sulla tomba di un ubriacone.

Se si è interessati ai riti vodoo, è d’obbligo una vista al St. Louis No. 1 di New Orleans, negli Stati Uniti. Qui, infatti, si trova la cripta di Marie Laveau, la regina del vodoo morta oltre un secolo fa. Assicurarsi, però, di non essere gli unici visitatori perché non saranno i fantasmi ad attaccare ma, più probabilmente, i delinquenti.

Il Forest Lawn Memorial Park of Hollywood è il più famoso cimitero privato di Los Angeles. È il luogo dove riposano moltissime celebrità, da Stan Laurel, lo Stanlio del duo comico Stanlio & Onlio, a Elisabeth Taylor e Michael Jackson.

Se si sceglie come meta di vacanza l’Argentina, si consiglia una visita al cimitero La Recoleta di Buenos Aires. Circondato da meravigliosi giardini, è il camposanto argentino più conosciuto. Qui, infatti, troverete la tomba di Eva Peròn, seppellita nella cappella di famiglia.

Trascorrere il giorno dei morti a Oaxaca, in Messico, potrebbe essere un’esperienza indimenticabile. I defunti vengono celebrati per tre giorni, tra musica, cibo, fiori e candele. L’antico cimitero cittadino di Xoxocotlan sarà pieno di visitatori ma anche musicisti e venditori del tipico pan dei morti.

Mount Auburn di Cambridge, in Massachusetts, è il primo cimitero-parco d’America. Fondato nel 1831, il camposanto è un luogo tranquillo popolato da aceri e querce e ricco di giardini. Il Mount Auburn nasce non solo come un luogo di pace adatto alla commemorazione dei defunti ma anche come luogo di vita perfetto per passeggiare e riflettere.

Uno dei più antichi cimiteri ebraici e il Vecchio Cimitero Ebraico di Praga. Fondato nel 1439, contiene ben 12.000 lapidi caratterizzate dagli stili più diversi, dal gotico al rococò, dal rinascimentale al barocco. Una delle tombe più visitate è quella di Giuda Loew Ben Bezalel, il rabbino capo di Praga nel 16esimo secolo che, secondo la leggenda, creò un golem di argilla per proteggere la comunità ebraica della città.

Il Lone Fir Cemetery di Portland, in Oregon, è uno dei pochi cimiteri dove è permesso la sepoltura dei propri cari sotto gli alberi. Potrete visitare le tombe dei pionieri, il monumento dedicato agli immigrati cinesi che hanno contribuito a costruire la città e mausolei di grandi capitani d’industria.

Se ci si trova a New York è d’obbligo una vista al cimitero Green Wood di Brooklyn. Costruito nel 1850, l’enorme cimitero è caratterizzato dal grande cancello in stile gotico e dallo skyline di Manhattan che fa capolino tra i maestosi alberi. Qui sono seppelliti celebri personaggi come Louis Comfort Tiffany, figlio del fondatore della celebre gioielleria Tiffany & Co., e l’artista newyorkese Jean-Michel Basquiat.

Fonte: National Geographic