Manca ormai una sola settimana al tanto atteso esordio di “Harry Potter e i Doni della Morte: Parte 1” nella sale cinematografiche di tutto il mondo. La pellicola, penultima nella lunga e fortunata serie ispirata ai romanzi della scrittrice britannica J. K. Rowling, è stata proiettata nella serata di ieri a Londra, con una prima mondiale che ha richiamato nella capitale inglese fan del mago di Hogwarts provenienti da tutto il mondo.

In molti hanno atteso ai bordi del red carpet l’arrivo di Daniel Radcliffe, Emma Watson e Rupert Grint, incuranti della fitta pioggia e del vento pungente che Londra ha riservato loro. C’è chi è arrivato dal Canada o addirittura dal Messico, altri dalla più vicina Romania, tutti ansiosi di vedere per primi le immagini del film e i suoi protagonisti, ormai parecchio cresciuti dal loro esordio sul grande schermo risalente ormai a quasi un decennio fa.

“Harry Potter e i Doni della Morte: Parte 2” (tratto dalla seconda parte dell’ultimo romanzo), va ricordato, è invece atteso nelle sale a partire dal 15 luglio 2011. Qualcuno, nei mesi scorsi, ha ipotizzato che non si tratterà del capitolo conclusivo della saga, con la Rowling forse intenzionata a sviluppare ulteriormente la narrazione, dando così vita a nuove pellicole. Daniel Radcliffe ed Emma Watson però, interrogati di recente sulla questione, hanno dichiarato di non essere disposti a interpretare nuovamente due personaggi tanto celebri quanto ingombranti per il loro futuro professionale.