“Harry Potter e i Doni della Morte: Parte 2″ sarà come un film di guerra, stando a una recente dichiarazione rilasciata da Daniel Radcliffe, attore che da ormai un decennio ha dato volto al celebre mago di Hogwarts. La trasposizione cinematografica del settimo romanzo, come ormai ben noto, è stata suddivisa in due parti ben distinte, non soltanto per ragioni legate alla quantità del materiale scritto da J. K. Rowling, ma anche per il diverso approccio alla narrazione.

Se nella prima parte de “I doni della Morte” si è lasciato spazio alla caratterizzazione dei personaggi, nell’ultima pellicola della saga il pubblico verrà travolto dall’azione. È anche per questo, secondo Radcliffe, che la produzione ha deciso di far attendere sette mesi ai tanti appassionati della serie, per conoscere la conclusione delle avventure di Harry Potter sul grande schermo.

Non resta dunque che attendere il 15 luglio 2011 per assistere all’epilogo dell’eterna lotta tra le forze del bene e i malvagi intenti di Lord Voldemort, che segneranno la fine di un ciclo anche per gli attori protagonisti delle pellicole fin qui girate, secondo qualcuno sostituiti in futuro da nuovi volti per proseguire un eventuale sviluppo della saga.