Uno dei film più attesi dell’anno, “Harry Potter e i Doni della Morte“, ha ricevuto la censura e sarà vietato ai minori di tredici anni.

Il motivo del divieto sarebbe da ricercare in “alcune scene che sono fortemente violente e spaventose”. La pellicola sicuramente sarà piena di azione e combattimenti tra le forze del bene e il malefico Valdemort e i Mangiamorte. Le scene con alto tasso di violenza citate dalla spiegazione della Motion Picture Association of America probabilmente si riferiscono ai fotogrammi in cui Hermione viene torturata.

Il regista David Yates ha raccontato in una recente intervista che tali scene erano spaventose e che lui stesso ne è rimasto turbato:

Nella scena di tortura con Hermione e Bellatrix, Emma (Watson) ha dato tutta se stessa nella parte. Ci sono stati dei momenti in cui la sua recitazione era così vera che ci siamo anche dimenticati che stava recitando. Inoltre le urla che le uscivano dalla gola erano così spaventose. È stato tutto così orribilmente realistico ma anche davvero interessante.

In realtà questo capitolo di “Harry Potter” non è il primo a ricevere la censura negli Stati Uniti. Infatti, già “Harry Potter and the Goblet of Fire” e “Harry Potter and the Order of the Phoenix” hanno ricevuto il PG13 con le stesse motivazioni.

In Italia, come è stato per i precedenti episodi della saga, il film probabilmente non sarà vietato.

“Harry Potter e i Doni della Morte: Parte 1” arriverà al cinema il prossimo 19 novembre, mentre la seconda parte dovrebbe arrivare il 15 luglio 2011. Del cast fanno parte accanto ai protagonisti Daniel Radcliffe, Rupert Grint e Emma Watson, anche Helena Bonham Carter, Robbie Coltrane, Tom Felton, Ralph Fiennes, Alan Rickman, Rhys Ifans, Bill Nighy, Bonnie Wright, Michael Gambon, John Hurt, Miranda Richardson, Timothy Spall e Imelda Staunton.