Le {#Havaianas}, le infradito più famose del mondo festeggiano il mezzo secolo; nate nel 1962 e ispirate alle Zori, tipiche {#scarpe} giapponesi di stoffa nera e la suola di canna della pianta del riso, in cinque decadi hanno conquistato la {#moda} dei cinque continenti da Los Angeles a New York, da Madrid a Berlino, da Tokyo a Sidney, diventando icone e oggetto di culto di vip e gente comune. Per celebrare la ricorrenza, il brand ha lanciato un’edizione limitata di 50 mila esemplari, i cui proventi verranno devoluti all'{#Unicef} mentre gli store che ospitano il brand distribuiranno un plico di buste da lettera, una dentro l’altra e tutte colorate, che raccontano le tappe della storia delle infradito più celebri del mondo.

Galleria di immagini: Havaianas

Inconfondibili dalle imitazioni grazie alla grana di riso riprodotta sulla suola in omaggio alle sue origini nipponiche, in cinquant’anni le Havaianas non si sono mai fermate, aggiornandosi di continuo e andando al passo con la moda i tempi: con i tacchi, con veri diamanti come quelle nate dalle collaborazione con il gioielliere H. Stern in una serie molto limitata in oro a 18 carati con diamanti incastonati e in collaborazione con {#stilisti }famosi. Negli anni Sessanta vi era un unico modello di scarpe Havaianas dalla suola bianca e le strisce blu ma solo grazie a un errore tecnico riuscirono a raggiungere la fama mondiale; infatti, un intero lotto di Havaianas invece che nel classico blu, venne prodotto per errore in verde: ciò si rivelò un’innovazione, avviando una produzione di multicolore che ad oggi è il segno distintivo del marchio.

È a partire dal 1994 che l’azienda inizia a creare i modelli monocolore della linea Top, passando dagli 8 colori iniziali a 20; nascono anche delle linee speciali e le Havaianas creano, quattro anni dopo, un modello verdeoro per celebrare la Coppa del Mondo di calcio in Francia: è qui che compare per la prima volta la bandiera del Brasile sulle stringhe. Nel 2003 vengono creati esemplari esclusivi per i candidati agli Oscar, mentre risale al 2006 il modello Slim, più sottile, delicato e aggraziato per le donne; le grandi novità arrivano con il primo quartier generale europeo a Madrid: è solo dalla fine dello scorso decennio che il brand decide di ampliare la propria la produzione con scarpe sportive chiuse, stivali da pioggia colorati proprio come le Havaianas.

Fonte: Il Messaggero; Havaianas