Accantonate le atmosfere galattiche di Guerre Stellari e quelle cupe del recente horror “Vanishing on 7th Street”, Hayden Christensen è già pronto per un nuovo progetto che lo vedrà protagonista nella trasposizione cinematografica del thriller letterario The Genesis Code (2009), scritto da John Case.

Nel romanzo, un agente della sicurezza nazionale statunitense che vive in un sobborgo di Washington è impegnato nell’indagine di un duplice e drammatico omicidio. Le vittime sono infatti la sorella e il giovane nipote, i quali, secondo i rilevamenti della polizia, sono stati uccisi barbaramente prima dell’incendio divampato all’interno della casa.

Grazie all’aiuto di Ana, una cara amica della sorella, l’agente Joe Lassiter inizierà a indagare su omicidi analoghi scoprendo il coinvolgimento di una misteriosa setta chiamata L’Ombra della Croce. Seguendo le tracce degli adepti, Lassiter giungerà fino in Italia, dove in una clinica sperduta tra le montagne viene realizzato un macabro esperimento. Far emergere la verità e consegnare i criminali alle autorità non sarà semplice, poiché a opporsi sarà la Chiesa stessa.

La trama presenta molte analogie con i thriller di Dan Brown già approdati al cinema (“Angeli e Demoni”, “Il Codice da Vinci”) e che vedono come protagonista lo studioso Robert Langdon, interpretato da Tom Hanks.

Sebbene John Case non goda della stessa popolarità di Dan Brown, la presenza nel cast di Christensen offre buone garanzie di successo del film, almeno in Italia, dove l’attore canadese è conosciuto per i suoi presunti flirt in passato con Elisabetta Canalis e Araba Dell’Utri. Hayden Christensen è inoltre molto legato al Belpaese perché le sue origini sono italiane e ha una nonna che risiede a Napoli.

“The Genesis Code” sarà diretto da David Richard Ellis, già regista di pellicole di successo quali “Final Destination”, “Asylum”, “Cellular” e “Snakes On a Plane”. La sceneggiatura è stata adattata per il grande schermo da Kevin Bernhardt (“Mandrake”, “Peaceful Warrior”, “The Immortals”). La produzione vede impegnati Tove Christensen, fratello maggiore di Hayden, insieme alla Myriad Pictures, Kirk D’Amico, Micheal Mailer e Alvaro Longoria.