Durante l’unica data italiana del loro tour 2011, i Coldplay hanno incantato il pubblico nel primo giorno dell’Heineken Jammin’ Festival.

Iniziato ieri davanti ad una platea di circa 20 mila persone, infatti, il concerto della band londinese è durato un’ora e mezza, ammaliando i fan più appassionati con una coreografia spettacolare fatta di luci e fuochi d’artificio.

Galleria di immagini: Coldplay

Chris Martin, voce, chitarra e pianoforte della band, nonché leader storico, è apparso in splendida forma mentre si esibiva accompagnato da Will Champion alla batteria, John Buckland alla chitarra elettrica e Guy Berryman al basso. Nessuna occasione migliore, quella offerta dal celebre festival del Parco San Giuliano di Mestre, per anticipare il nuovo album dei Coldplay previsto per la fine dell’anno.

E così, attraversato da raggi di luce e colori, Chris Martin si è esibito nei primi 4 inediti “Hurts Like Heaven“, “Us Against The World“, “Charlie Brown” e “Major Minus“. Con un pizzico di ironia e tanta energia, Martin ha esordito dicendo:

“Adesso vi canto una canzone nuova, bene spero vi piaccia e se non vi piace “Fuck it!””

Ma fra i cori del pubblico impazzito e i gesti divertenti di uno scatenato Chris Martin, le quattro inedite performance hanno lasciato tutti a bocca aperta, confermando ancora una volta la professionalità e il carisma di uno dei gruppi più attivi sulla scena dell’alternative rock e del britpop.

Era il lontano 1997, infatti, quando a Londra nascevano i Coldplay che, con un sound limpido ma deciso, conquistavano milioni di fan in tutto il mondo con brani come “In My Place” e “Viva La Vida“. Sul palco dell’Heineken Jammin’ Festival hanno eseguito proprio questi due brani insieme ad altre hit che hanno scalato le classifiche inglesi e non solo. Bis per “Clocks“, dunque, ma anche delirio del pubblico per “Viva la vida” e palloni giganti colorati per “Lost“.

I Coldplay hanno portato avanti l’esibizione finale del primo giorno di festival che, ovviamente, aveva ospitato nelle ore precedenti artisti come Beady Eye, Cesare Cremonini, Echo & The Bunnymen e We are Scientists. Per poterli rivedere, però, bisognerà attendere il 2012 quando, in occasione del loro ultimo album, faranno tappa nel Bel Paese con il nuovo tour.