Alla Paris Fashion Week è tempo della collezione Hermès primavera estate 2018, è tempo di eleganza discreta; di quel lusso très chic che la maison francese, fondata nell’ormai lontano 1837, riesce a infondere da sempre a ogni sua creazione. Dopo l’Opéra Ganier con Stella McCartney e la sfilata di Giambattista Valli, la penultima giornata di questa settimana francese si è spostata al Palais de Chaillot di Parigi.

Tanti gli stilisti che si sono succeduti alla direzione creativa di rue du Faubourg-Saint-Honoré, da Martin Margiela a Christian Lacroix, da Jean Paul Gaultier fino a Christopher Lemaire. Oggi è Nadège Vanhee-Cybulski a disegnare le collezioni del prêt-à-porter, con una grazia e una leggerezza non comuni.

In sfilata outfit perfetti ora per l’ufficio ora per una passeggiata per le strade di Biarritz, accumunati dalla purezza delle linee e dalla ricercatezza dei materiali e dei dettagli; silhouette pulite e portabili che vanno dai pantaloni cropped a quelli alla caviglia con vita alta, da gonne a sigaretta da indossare con deliziose camicie di seta, ad abiti fluidi di twill di seta stampato. La donna Hermès ha un vasto guardaroba su cui contare, fatto di completi pantaloni, con gilet, di abiti e jumpsuit di seta, trench e mantelle, gonne di pelle e camicette leggere ed impalpabili. Bello il modello di pantaloni con gamba larga e scenografici pannelli laterali, da indossare con la cinta alta in vita e il pullover attillatissimo.

Galleria di immagini: Hermès collezione primavera estate 2018, foto

Tanti i dettagli classici della maison, dalle stampe degli abiti alle cinture che fermano in vita gli chemisier. Splendidi gli accessori, come orecchini, collane e choker di pelle originalissimi e colorati, che esaltano e completano le fantasie a quadri o a righe dei capi.

I sandali, con tacco alto e trasparente, si declinano in materiali e colori differenti, in perfetta coordinazione con il resto dell’outfit. Altrettanto le borse, che secondo le tendenze della prossima stagione, si portano a mano, anche quando hanno la tracolla, come la Hermès 2002, con chiusura metallica, declinata in canvas imprimé, in gabardine a quadri, in coccodrillo o in pelle box.

Delicata la palette di colori, dove al bianco, nero e blu scuro fanno da contrappunto il giallo canarino, il rosa cipria e un’intensa sfumatura lampone.

Tutte da indossare, dunque, le proposte di Hermés, all’insegna di quella raffinatezza che oltralpe riesce ancora a trovare la sua sede ideale.