Tra poche settimane arriva Pasqua, e dagli Stati Uniti sbarca al cinema la fiaba pasquale “Hop“, il film di Tim Hill con James Marsden. “Hop” è basato su un racconto di Cinco Paul e Ken Daurio, curatori anche della sceneggiatura con Brian Lynch.

Sull’Isola di Pasqua il Coniglio Pasquale ed i suoi pulcini-operai lavorano tutto l’anno per confezionare i tradizionali cesti pieni di caramelle e cioccolata che verranno consegnati ai bambini di tutto il mondo la mattina della Resurrezione. C.P. è il figlio adolescente del Coniglio Pasquale, che dovrebbe ereditare lo scettro del potere. Ma C.P. sogna un futuro diverso: vuole diventare una rockstar. Così il coniglietto ribelle scappa a Hollywood, dove s’imbatterà con Fred, un giovane immaturo che ancora non sa che cosa vuole dalla vita. L’incontro trai due scatenerà tutta una serie di imprevisti e divertenti avventure. Intanto sull’Isola di Pasqua, Carlos, il capo dei pulcini, ha deciso di attuare un colpo di stato. Solo Fred e C.P. potranno salvare il coniglio pasquale e la festa tanto amata dai bambini di tutto il mondo.

Galleria di immagini: Hop

Il regista Tim Hill, dopo aver diretto “Garfield 2” e “Alvin Superstar”, ritorna sul grande schermo con una favola leggera e divertente. Anche se la tradizione del Coniglio pasquale non è sicuramente materia italiana, la pellicola intrattiene piacevolmente.

Gli effetti visivi sono ottimi: si combina il live-action alla più sofisticata tecnica d’animazione. Così gli attori in carne e ossa interagiscono con i disegni animati e diventa impossibile distinguere tra reale e finzione.

Il film è ricco di citazioni cinematografiche, a partire dalla sequenza iniziale che presenta la “Fabbrica di cioccolato” fino ai minion-pulcini. Divertente e autoironico risulta anche il cameo di David Hasselhoff, che interpreta se stesso in versione talent scout.

Nota dolente del film è sicuramente il doppiaggio italiano. Infatti, se il cast delle voci originale conta su attori del calibro di Hugh Laurie, Russell Brand e Hank Azaria, quello italiano prevede Francesco Facchinetti e Luca Argentero. In particolare, Facchinetti preferisce caratterizzare il coniglietto C.P. con smorfie e slang da Dj Francesco, demolendo tutta la simpatia e dolcezza del personaggio.

“Hop” è un film prettamente per bambini anche nel suo messaggio buonista del “rispettare le volontà e le direttive dei genitori anche se questo significa sacrificare i propri sogni”.