Terapia olistica che utilizza le pietre come fonte di guarigione e benessere, Hot Stone Massage viene da lontano: tanti i documenti, infatti, che ne rintracciano l’uso in civiltà antichissime e distanti tra loro come Celti, Aztechi ed Egizi.

La diffusione del massaggio con le pietre calde si deve ad una terapeuta americana, Mary Nelson, che ha recuperato e diffuso l’uso delle pietre unendolo a tecniche ayurvediche e fondamenti della medicina tradizionale cinese.

Leggi anche: I benefici del Watsu

Ecco una breve guida per scoprire a cosa serve e in che consiste l’Hot Stone Massage.

In cosa consiste l’Hot Stone Massage

L’Hot Stone Massage unisce l’utilizzo delle pietre con fondamenti di medicina Ayurveda: il trattamento ha effetti benefici non soltanto sul corpo, ma anche sulla mente poiché stimola i centri energici vitali (conosciuti come Chakra).

Le pietre più utilizzate sono nere e di origine vulcanica; hanno la capacità di trattenere calore e rilasciarlo gradualmente si sposa perfettamente con le tecniche di massaggio. Il terapeuta effettua delle tipologie di massaggi manuali che vanno a fondersi con il calore rilasciato dalle pietre producendo una sensazione di benessere che investe corpo e mente.

Tecniche di Hot Stone Massage

  • Il massaggiatore applica sulla pelle un olio curativo prima di posizionare le pietre calde, riscaldate alla temperatura di 50-60 gradi sulle parti dolenti da curare, oppure sui punti energetici per stimolare il Chakra. La dimensione delle pietre varia a seconda della parte da trattare, solitamente si tratta di pietre di media dimensione e piatte. L’obiettivo è quello di avere pietre abbastanza maneggevoli che posizionate sul corpo possano sprigionare calore che alimenti il massaggio fatto con l’uso delle mani. Durante il trattamento, le pietre vengono spesso sostituite una volta sprigionato tutto il loro calore.
  • Le pietre fredde solitamente sono bianche, in marmo o quarzo: sono usate per contrastare la fragilità dei capillari e ridare elasticità alle fibre.
  • Le pietre fredde e quelle calde sono usate in alternanza per il trattamento di lesioni muscolari o infiammazioni, poiché stimolando vasodilatazione e vasocostrizione in alternanza agisce sul sistema nervoso.

(Foto: iStock)

I benefici

L’Hot Stone Massage unisce le proprietà benefiche del calore, che tende ad alleviare le tensioni ed i dolori dell’apparato muscolare, e quelle curative del massaggio, che effettuato in contemporanea all’applicazione delle pietre ne amplifica le proprietà curative.

Il calore sprigionato dalle pietre ha effetti sia vasodilatatori che rilassanti agendo direttamente sui tessuti muscolari sottoposti a stress e tensione. Al contrario i trattamenti con le pietre a freddo producono effetti vasocostrittori incidendo sull’annoso problema dei capillari fragili. I trattamenti misti invece, tendono a facilitare la guarigione di lesioni a carico delle fasce muscolari alleviando il dolore.

In alcuni casi, oltre a curare determinate parti del corpo, le pietre vengono utilizzate come accennato per riequilibrare i centri energetici (i Chakra). Il calore prodotto stimola i punti energetici, centri nevralgici neurali, producendo uno stato di equilibrio e rilassatezza generale.

Gli effetti benefici del massaggio Hot Stone incidono anche sui tessuti della pelle. Il calore delle pietre, infatti, attraverso la vasodilatazione stimola la produzione di collagene e l’eliminazione delle tossine in eccesso.

Infine, i trattamenti sono indicati anche per chi soffre di patologie respiratorie come bronchiti e sinusiti.

Costi

I massaggi Hot Stone offrono una vasta gamma di trattamenti, a cui si affiancano differenti fasce di prezzo che variano dai 40 ai 100 euro per ogni seduta di circa 60 minuti.

Controindicazioni

  • Il trattamento con pietre calde è controindicato per chi soffre di fragilità capillare o ha problemi cardiaci.
  • È anche controindicato per donne in gravidanza, persone diabetiche o che soffrono di vene varicose.
  • È sconsigliato su ferite aperte, lesioni cutanee, traumi o infiammazioni acute.
  • Il trattamento con pietre fredde non può essere effettuato sulla zona dei reni.
  • È sempre consigliato a fine trattamento bere delle tisane, considerata la perdita di liquidi durante il massaggio.