Omega 3 toccasana per i neonati sottopeso, utili fin dalla nascita per potenziare le difese immunitarie e favorire la crescita regolare, prevenendo possibili problemi alle arterie anche in futuro. Un nuovo studio considera quindi questi acidi grassi indispensabili per lo sviluppo dei bambini.

Gli omega 3 possono quindi essere somministrati ai neonati sottopeso sia a partire dal primo mese di vita, sia in corrispondenza dell’inizio dello svezzamento. La condizione di sottopeso, come hanno ribadito i ricercatori del Boden Institute of Obesity presso l’Università di Sidney, mette il bambino a rischio di sviluppare problemi cardiovascolari durante la crescita, conseguenza che può essere evitata facendo in modo che i piccoli assumano questi preziosi elementi fin dalla nascita, sia attraverso l’alimentazione sia grazie agli specifici integratori.

«Le persone nate piccole hanno un rischio maggiore di sviluppare malattie cardiovascolari. I risultati dello studio suggeriscono che i bambini nati piccoli possono beneficiare di un quotidiano supplemento a base di Omega 3».

Michael Skilton, autore dello studio, ha focalizzato l’attenzione sulla necessità di garantire ai neonati sottopeso un apporto di omega 3 quotidiano e costante. Lo studio si è basato sull’analisi delle condizioni di salute di due gruppi di bambini – 616 in tutto – monitorati dal parto fino agli otto anni: solo a una parte di loro è stata somministrata una quantità di omega 3 pari a 500 mg al giorno, precisamente olio di pesce, introducendo anche nell’alimentazione alcuni cibi ricchi di questi elementi, come la margarina a base di olio di girasole.

Un controllo al termine della sperimentazione ha effettivamente dimostrato come in questo gruppo di bambini, nati con un deficit di peso ma “aiutati” nello sviluppo attraverso gli omega 3, i casi di inspessimento delle pareti delle arterie (una delle principali conseguenze del sottopeso alla nascita) siano stati effettivamente esigui.

Questa scoperta rappresenta un’ulteriore conferma ai benefici degli omega 3 sulla salute dei bambini, basti pensare al recente studio che ne ha confermato l’efficacia per contrastare lo sviluppo di allergie nella prima infanzia. Se l’alimentazione materna in gravidanza è ricca si cibi ricchi di omega 3, infatti, il nascituro ha meno probabilità di essere colpito da allergie durante la crescita, poiché queste sostanze sono in grado di influire positivamente sul sistema immunitario.