I carboidrati sono un’importante fonte energetica per il nostro corpo e non possono mancare nell’alimentazione per il fabbisogno giornaliero. Quelli che chiamiamo carboidrati e che per lo più identifichiamo nella pasta o nel pane per esempio, alimenti base della nostra alimentazione, possono essere semplici o complessi in base al concatenamento degli zuccheri nell’alimento.

I carboidrati complessi comprendono per esempio i cereali tipo il frumento, il mais, il riso, l’orzo o le patate e alcuni legumi come piselli e fagioli, dunque implicitamente parliamo di riso, pasta e pane. Gli zuccheri semplici sono invece presenti nella frutta, soprattutto banane, pere o fichi, ma in generale in tutta la frutta soprattutto la più matura.

Un’importante quantità di carboidrati deve essere assunta in maniera quotidiana da tutti, anche nel caso di diete dimagranti nonostante le eventuali restrizioni del caso. Assumendone circa il 60% giornaliero, almeno l’80% dovrebbe essere di tipo complesso, bisogna tenerli in considerazione per tutti i pasti della giornata, dalla colazione alla cena.

Al mattino per la colazione una bella tazza di latte o un vasetto di yogurt per esempio ci permettono di iniziare la giornata in modo energico; anche gli spuntini sono molto importanti e sono consigliati per le diete dimagranti, soprattutto se a base di frutta.

I carboidrati a pranzo sono fondamentali, questo è il momento della giornata in cui vengono consumati con più facilità, si consiglia perciò un bel piatto di pasta, di riso, di legumi oppure un contorno di patate, tutti alimenti ricchi di zuccheri complessi.

Anche durante la cena è bene consumare carboidrati, è importante che durante tutta la giornata si arrivi intorno ai 500 grammi soprattutto per chi conduce una vita attiva, 400 grammi invece per chi non pratica sport e fa una vita sedentaria. Tra il pranzo e la cena si crea così una proporzione che vede i carboidrati in prevalenza per la prima parte della giornata, e in diminuzione nella seconda parte della giornata per dare più spazio alle proteine.

Nel caso in cui si superi di molto il quantitativo consigliato o preventivamente stabilito con un nutrizionista o dietologo si arriverebbe a un evidente aumento di peso e inoltre si favorirebbe il rischio di diabete. È importante dunque ridurre al minimo tutti i rischi, eliminando o perlomeno moderando l’uso di dolciumi, che al contrario di pasta e pane sono ricchi di grassi, molto calorici e difficili da smaltire.

Questi pochi semplici consigli ci permetteranno di avere un più chiaro quadro di cosa sono i carboidrati e come assumerli durante l’alimentazione quotidiana rispettandone il fabbisogno giornaliero.

Fonte: Sapere Salute.