Gonfiore, stanchezza, aumento effettivo di peso e umore compromesso. Il ciclo mestruale può essere la causa di queste e altre sensazioni non proprio piacevoli che attanagliano la serenità di ogni donna. Le cause, ovviamente, sono quasi sempre fisiologiche e dovute a una radicale modifica degli equilibri ormonali. Si ha più voglia di dolci e carboidrati, ci si sente stanche e intorpidite, l’umore non è stabile.

L’aumento di peso – anche fino a 2 o 3 chili – è uno dei sintomi che più difficilmente si riescono a mandar giù: ci si sente gonfie e gli abiti proprio non vestono come dovrebbero. Questo perché gli estrogeni “impazziscono” mandando in tilt il sistema linfatico e ostacolano il normale smaltimento delle scorie in eccesso. Un’alimentazione mirata può, in questi casi, contribuire a risolvere, almeno parzialmente, il problema?

La frutta può essere molto d’aiuto, soprattutto la vitamina A e il potassio dell’ananas. Per combattere la ritenzione idrica meglio scegliere, ovviamente, cibi a basso contenuto di sodio e rinunciare a salumi, insaccati, formaggi troppo cremosi e carni rosse che sovraccaricano troppo l’organismo. Meglio preferire, dunque, frutta e verdura e bere molta acqua per favorire l’eliminazione delle scorie.

Allo stesso modo, la serotonina e la melatonina, rispettivamente responsabili dell’umore e del sonno, vengono messe a dura prova dai livelli altalenanti di estrogeni e progesterone ed ecco che subentrano anemia, irritabilità, fragilità, stanchezza cronica e insonnia. Per rimediare, perciò, scegliete proteine e alimenti ricchi di L-triptofano come carni bianche e pesce ricco di omega-3, legumi e cereali, meglio se integrali, perché ricchi di ferro.

Rinunciate alle bevande alcoliche o eccitanti, al caffè, al tè. Evitate condimenti grassi come il burro e la panna, meglio scegliere olio di oliva a crudo. Altrettanto importanti sono gli {#alimenti} ricchi di potassio, che migliorano la tonificazione muscolare, come le banane, il riso integrale e le zucchine. E prima di andare a dormire, se proprio il vostro umore non riesce a trovare un equilibrio, bevete una tazza di tisana a base di valeriana per placare eventuali stati di ansia.

Se proprio non riuscite a placare il desiderio di dolci, biscotti, gelati e pasticcini potrete concedervi un quadratino di cioccolato fondente ogni giorno, fino a un massimo di 25 grammi. Evitate torte e dolci preparati con le farine bianche, così come pane, pasta, pizza e torte salate, che contribuiscono ad aumentare il livello glicemico nel sangue ma solo per poco tempo.

Infine, per rimediare a un flusso scarso, è necessario consumare cibi che contribuiscono a rendere il sangue più fluido, ben vengano perciò cavolfiori, sedano, a spargi, melone e cipolle.

Fonte: Più sani più belli.