Sono stati celebrati oggi i funerali di Elisa Claps, la sedicenne scomparsa e il cui cadavere è stato ritrovato nel sottotetto della chiesa della Santissima Trinità di Potenza. Elisa è ancora senza giustizia, dato che esiste solo una presunzione di colpevolezza a carico di Danilo Restivo, tra l’altro l’ultimo a vederla in vita.

Galleria di immagini: Elisa Claps

Hanno presenziato in un lungo funerale silenzioso oltre 3.500 persone, che hanno accompagnato Elisa dalla camera ardente posta presso il liceo classico di Potenza, fino alla Chiesa: la folla si è stretta in un abbraccio con l’intera famiglia della piccola, scortata da Vigili Urbani e Polizia. È stato inoltre proclamato il lutto cittadino.

Il sacerdote che ha officiato la messa, don Marcello Cozzi, ha detto nella sua omelia:

“Elisa è un fiore reciso che qualcuno ha lasciato marcire in un angolo. A quelli che hanno depistato la verità dico di togliere il macigno di menzogne che ha coperto il Caino fuggiasco in una Basilicata dove la verità viene lasciata spesso sotto i tetti.”

Grande assente il vescovo di Potenza Agostino Superbo: i familiari di Elisa Claps continuano a chiedere chiarezza sulla presenza del bottone rosso trovato sul luogo del delitto. Lo stesso Superbo in più occasioni ha rilasciato dichiarazioni contrastanti sull’argomento.