Quanto conta l’ego per i giovani contemporanei? La risposta sorprenderà molti, infatti pare che oggi essere apprezzati e gratificati conti più di qualsiasi altra cosa, anche di ciò che ha rappresentato per decenni la meta agognata da teenager e ragazzi fin dalla pubertà: il sesso.

Se posti davanti a una scelta, la maggior parte degli universitari statunitensi mette al primo posto un complimento, un voto alto, una valutazione positiva che faccia balzare alle stelle la propria autostima. L’interesse per il cibo e per i rapporti sessuali, invece, sta inesorabilmente perdendo quota.

Questa nuova necessità dei giovani è stata oggetto di studio da parte di un gruppo di ricercatori della Ohio State University, ma ci sono anche altri esperti in psicologia e comunicazione che hanno cercato di comprendere le motivazioni di questo brusco cambiamento di necessità rispetto alle generazioni precedenti. Nei campus universitari, infatti, è più facile ottenere superalcolici e fare esperienze sessuali che guadagnarsi buoni voti, una conquista ardua e per questo più ambita e interessante.

Per arrivare a definire le nuove priorità dei ragazzi, è stato effettuato un sondaggio su un gruppo di 130 studenti dell’Università del Michigan, invitato a stilare un elenco di “preferiti” all’interno di varie categorie, cibo, sesso, esperienze di autostima varie. Dai risultati è emerso che tutte le attività che fanno gonfiare l’ego hanno avuto punteggi più alti, a discapito delle altre.

Studiosi, ligi al dovere e brillanti menti molto promettenti. Ma i giovani d’oggi sono veramente tutti così?