Le single sono oggetto delle più disparate leggende metropolitane. Forse perché in un universo in cui la coppia rappresenta il centro, l’occhio attraverso il quale tutto viene vagliato, le single vengono viste come delle persone misteriose, delle strane streghe bisbetiche aliene alle relazioni chissà per quale motivo. Mentre gli uomini, soprattutto se sono in là con gli anni e vivono con una madre possessiva, vengono bollati solitamente come omosessuali, o come scapoli d’oro se la potenziale suocera invece è venuta a mancare, la società maschilista ha delle altre etichette per le donne single.

Questi ragionamenti non prendono in considerazione che le persone che le relazioni umane sono tante e variegate e che la coppia stabile è solo una delle tante possibilità. Così ci si immagina le single come donne profondamente sole, che trascorrono il sabato sera con il gatto e un cestello di gelato a guardare film romantici e piangere sulla propria solitudine, o anche che si tratti di donne disperate che mettono annunci sul giornale sperando che qualcuno finalmente se le fili.

Un altro mito sulle single è che siano delle donne annoiate e noiose, che non hanno trovato nessuno con cui stare perché in fondo non hanno nulla da offrire se non luoghi comuni a una possibile relazione. O anche che le donne single siano delle femministe impenitenti che hanno addirittura paura di impegnarsi in una relazione stabile. Come se si decida di stare da soli solo per spirito di indipendenza e non perché capita o perché si sta pensando a cose che sono più importanti per se stessa.

Si sottovaluta il fatto che ogni persona è differente dall’altra e che una ragazza può essere single per scelta e aver trovato un proprio equilibrio. Ognuno riesce a trovare qualcosa che nella vita possa calzare come un guanto. E questo vale per le divorziate viste come libertine, le madri separate che appaiono tristi perché i propri bambini non vedono tutti i giorni il padre. Ma nel mondo esistono i più disparati tipi di famiglia, in alcuni Paesi si accettano le coppie omosessuali e anche se ci si sposa non è detto che la vita risparmi dalla morte prematura di uno dei due coniugi. Viene quasi da pensare che si sia invidiosi dello status di single, da qui tutta la nascita di queste leggende metropolitane. Ognuno si crea la famiglia che preferisce, anche se è formata da un solo componente.

Fonte: Sheknows.