Muse: la rock band di Devon è stata accusata di plagio da un uomo che dice di essere stato il vero “autore” dei brani Exogenesis contenuti nell’album The Resistance nel 2009. La Warner Music dovrà quindi difendersi legalmente per evitare di pagare il risarcimento danni che ammonterebbe a circa 3 milioni e mezzo di dollari.

Charles Bolfrass si è rivolto alla Corte Federale di Manhattan accusando i Muse di aver plagiato la sua opera-fiction rock in stile fantascientifico, il cui titolo era proprio Exogenesis.

Galleria di immagini: Muse

L’uomo aveva infatti contattato la band nel 2005 sottoponendo ai componenti la sua idea: raccontare del viaggio di un gruppo di uomini alla ricerca di un nuovo pianeta su cui vivere dopo la scomparsa della Terra.

I Muse non erano stati entusiasmati dall’idea e secondo Bolfrass sarebbero limitati a copiarla quattro anni dopo raccontando la sua storia in tre brani dal titolo Exogenesis I, Exogenesis II e Exogenesis III.

Ma non è tutto: anche la copertina dell’album dei Muse sarebbe stata copiata dai bozzetti che Bolfrass aveva realizzato per la sua opera. L’uomo ha quindi deciso di trascinare in causa la Warner Music non solo per violazione dei diritti d’autore, ma anche per il comportamento sleale che la major avrebbe tenuto nei suoi confronti.

Fonte: NME